Nico Rosberg parla di addio alla carriera di pilota e fa l’esempio di due campioni: Valentino Rossi e Casey Stoner.

Valentino Rossi (Foto dalla pagina ufficiale del circuito di Pomposa su Facebook)
Valentino Rossi (Foto dalla pagina ufficiale del circuito di Pomposa su Facebook)

Nico Rosberg ha suscitato un certo scalpore quando ha annunciato il suo addio, arrivato poche ore dopo la sua vittoria del titolo mondiale. Ha realizzato il suo sogno che inseguiva da bambino e ha deciso di appendere il casco al chiodo. Ospite al podcast MotoGP, il tedesco ha parlato di addio alle corse, prendendo ad esempio due figure della classe regina, Valentino Rossi e Casey Stoner.

“Non c’è un modo per farlo”, spiega Nico Rosberg parlando di ritirarsi mentre si è ancora al culmine della propria carriera. “Hai l’esempio di Valentino Rossi, che rispetto totalmente, a patto che non sia là fuori solo perché ha paura di smettere, spero stia continuando perché vuole continuare a divertirsi. Per me è stata una decisione di pancia, quello che mi ero prefissato di fare, il mio sogno, vincere il campionato del mondo, l’ho realizzato. È stato assolutamente impossibile per me raggiungere questo, fino all’ultima curva dell’ultima gara”.

Dopo il titolo mondiale conquistato ai danni del compagno di box Mercedes Lewis Hamilton, Nico Rosberg ha dato il definitivo annuncio che aveva in serbo da diverso tempo. Una scelta per nulla facile, sia per l’ex pilota di Formula 1 che per qualsiasi altro campione. Valentino Rossi compreso. “Una cosa è pensarlo, un’altra è farlo. Ed è spaventoso da morire. Abbiamo visto alcuni dei nostri piloti fare simili decisioni, l’esempio principale è Casey Stoner. Gli sportivi che si ritirano quando sono ancora in grado di vincere potrebbero essere una prospettiva confusa per alcuni, quindi è affascinante avere un’idea della mentalità di un campione del mondo”.

Leggi anche -> Miguel Oliveira: “Zarco ha complicato le scelte di KTM”

MotoGP - Valentino Rossi (Getty Images)
MotoGP – Valentino Rossi (Getty Images)