Aston Martin ha ricreato la riproduzione fedele dell’auto utilizzata da Sean Connery nell’iconico film 007: Goldfinger compresa di “armi” e gadget.

aston martin
(Image by Motor1)

1965. È allora che Aston Martin termina la produzione della DB5 originale. 55 anni dopo, il gran turismo è uscito di nuovo dalla catena di montaggio, con lo stesso strabiliante design. La prosecuzione della vettura è un omaggio alla DB5 guidata dall’agente dell’MI6 James Bond interpretato da Sean Connery nel film Goldfinger del 1964.

Per un’auto che costa 2,75 milioni di euro, si può immaginare che sia stato investito molto lavoro nello sviluppo della “nuova” DB5 e nell’integrazione dei gadget di 007. Rifinita in betulla argentata molto simile all’originale, l’auto ha richiesto circa 4.500 ore per essere completata, al fine di implementare le “riproduzioni autentiche meticolosamente dettagliate” come si vedono nell’auto del film.

aston martin
(Image by Motor1)

Dalla finta doppia mitragliatrice anteriore a un funzionale sistema di erogazione a schermo fumogeno posteriore, la DB5 è piena zeppa di gadget di James Bond. Ha persino un pannello del tetto rimovibile sul lato passeggero, ma questa è una caratteristica opzionale, anche su un’auto con un prezzo così esorbitante mentre la targa girevole è funzionale sia all’anteriore che al posteriore e ha in realtà tre targhe.

L’elenco dei gingilli installati all’esterno nella DB5 Goldfinger è completato da uno smontagomme simulato e da un sistema di erogazione dell’olio simulato nella parte posteriore, dove Aston Martin ha installato anche un finestrino antiproiettile. Una volta all’interno, l’atmosfera di 007 è esaltata dalla finta mappa a schermo radar e da un telefono montato nella portiera del guidatore.

L’abitacolo è stato sottoposto a ulteriori modifiche allo specchietto della guida di James Bond installando un pannello di controllo remoto per i gadget e inserendo un pulsante di attivazione nella parte superiore del pomello del cambio. C’è anche un vassoio portaoggetti sotto il sedile per le “armi”, insieme a un interruttore personalizzato una volta aperto il bracciolo centrale.

aston martin
(Image by Motor1)

La potenza è fornita da un motore aspirato da 4,0 litri da sei cilindri in grado di erogare 290 CV incanalati nell’assale posteriore attraverso un cambio manuale ZF a cinque marce e un differenziale meccanico a slittamento limitato. La DB5 Goldfinger vanta il design originale della vettura con pannelli di carrozzeria in alluminio combinato con un “telaio in acciaio dolce“. Aston Martin afferma che “sono state apportate alcune simpatiche modifiche e migliorie” per “garantire i più alti livelli di qualità costruttiva e di affidabilità”.

Le consegne ai clienti sono già iniziate e continueranno nel corso di quest’anno nell’ambito di una produzione limitata a 25 esemplari.