MotoGP, Gibernau: “Valentino Rossi genera odio sugli avversari”

0
7164

Sete Gibernau ripercorre la gara del 2003 in Germania e la rivalità con Valentino Rossi, non senza lanciare una frecciata al pilota di Tavullia.

Sete Gibernau (Getty Images)
Sete Gibernau (Getty Images)

Sete Gibernau non ha mai dimenticato la grande rivalità con Valentino Rossi in pista e fuori. Intervista da DAZN per commentare la gara del 2003 in Germania ricorda che quello fu un anno molto particolare, in cui stava pensando di abbandonare il Motomondiale. Il suo compagno di squadra Daijiro Kato perse la vita nella gara inaugurale di Suzuka. “Ricordo che quando Daijiro morì e dovemmo andare in Sudafrica, che era la prossima gara, Fausto Gresini mi chiamò e disse ‘Che facciamo? Continuiamo o no?’. Ero molto triste perché avevamo fatto tutta la preseason insieme, avevamo condiviso molte cose”.

La rivalità con il Dottore

Dopo quella vittoria in Sudafrica, Sete vinse anche in Francia e Olanda, una serie vincente che lo ha portato al Sachsenring con lo stesso numero di vittorie di Valentino Rossi, all’epoca in sella alla Honda: “Siamo arrivati ​​a questo GP con tre vittorie per Valentino, e tre per il nostro team”. Alla fine quella vittoria andò al pilota catalano dopo una splendida sfida all’ultima curva. “Per vincere hai bisogno di una grande moto – ha spiegato Sete Gibernau -, la nostra lo era, ma non era quella ufficiale. La Honda introdusse alcuni scarichi speciali e li diede a Rossi per testarli. Li provò e poi li tolse”.

LEGGI ANCHE -> Motomondiale, ufficiale: il GP di Brno sarà a porte chiuse

In Honda allora pensarono di girarli a Sete Gibernau che li montò rivelandosi la carta vincente. Dopo quella gara anche Valentino Rossi decise di montarli. Tra i due stava nascendo una rivalità che sarebbe divenuta sempre più pungente negli anni a venire. E il catalano non manca di lanciare una frecciata all’ex rivale. “Valentino è una persona che ha bisogno di generare un sacco di odio sul pilota con cui combatte. È il suo modo di vedere le cose. In quegli anni in cui non ero suo rivale, diventammo buoni amici, abbiamo avuto un ottimo rapporto. E nel momento in cui abbiamo iniziato a combattere in pista non abbiamo più avuto un buon rapporto”.

Rossi Biaggi Gibernau Welkom
Valentino Rossi con Max Biaggi e Sete Gibernau (©Getty Images)