MotoGP, Brad Binder: “Nel 2021 avrò degli svantaggi”

Brad Binder è tornato in Europa meno di un mese fa, dopo essere rimasto bloccato tre mesi in Sudafrica. Il nuovo calendario 2020 non è tutto in discesa per il rookie KTM.

Brad Binder (getty images)

Brad Binder è rimasto fermo per tre mesi in Sudafrica a causa dell’emergenza Coronavirus. Il rookie di KTM è arrivato nono nel test di Losail a febbraio, miglior pilota ufficiale della Red Bull KTM e ha tenuto il passo con la KTM RC16 durante i due giorni di test a Misano della scorsa settimana. Ora il vice campione del mondo di Moto2 attende con impazienza la prima competizione nella classe regina dal 17 al 19 luglio a Jerez.

L’emergenza Covid nel suo Paese

Binder ha perso il primo test KTM a Spielberg a maggio perché non è stato in grado di volare in Europa a causa dei divieti di viaggio dal Sudafrica. “Il mio ritorno in Europa è stato davvero complicato. Il Sudafrica purtroppo è ancora in un blocco violento. Il mio paese d’origine era in ritardo di pochi mesi rispetto all’Europa. Quando le cose sono diventate davvero frenetiche in Europa, abbiamo ottenuto il nostro primo caso di Coronavirus in Sudafrica. I tassi di infezione stanno aumentando bruscamente al momento. Sono stato bloccato in Sudafrica per quasi tre mesi. È stato piuttosto stressante perché non c’erano voli. Sono stato in grado di lasciare il Sudafrica quasi esattamente un mese fa. È stato emanato un nuovo regolamento che mi ha permesso di volare in Europa a causa dei miei obblighi professionali – ha detto a Speedweek.com -. Ho preso un volo che ha riportato altri cittadini nell’UE”.

La stagione 2021

Sarà un calendario inedito, dove per cinque volte si ripeterà la gara sul tracciato della settimana precedente. Per un rookie potrebbe essere un vantaggio. “Da un lato, è fantastico fare un secondo tentativo sulla stessa pista. perché al secondo evento hai già buoni punti di riferimento. Allo stesso tempo, è sempre bello se fai del tuo meglio in un weekend, poi fai un respiro profondo lunedì e inizi il prossimo capitolo sul circuito successivo”. Inoltre Brad Binder resterà un rookie parziale anche nel 2021. “Se guardo il calendario per il 2021, sembrerò ancora un novellino su un certo numero di piste perché tutte le gare all’estero saranno annullate quest’anno se il calendario rimarrà tale. Per me questo è lo svantaggio della situazione attuale. Quindi guiderò sulla maggior parte delle piste d’oltremare per la prima volta nel 2021, ad eccezione di Sepang e Losail, dove abbiamo testato a febbraio”.

Brad Binder (getty images)