La Bugatti Chiron Pur Sport si trova a collaudare gli ultimi accorgimenti prima dell’inizio di produzione previsto per la seconda metà del 2020.

bugatti pur sport
(Image by Motor1)

La settimana scorsa i fotografi di motor1.com hanno catturato una coppia di Bugatti sul circuito del Nurburgring. La Chiron Pur Sport e la Divo erano entrambe sulla famosa pista tedesca e ci si chiedeva se il marchio francese avesse intenzione di battere i record del circuito. E’ venuto fuori che era lì per assicurarsi che la Chiron Pur Sport offrisse una dinamica senza precedenti e soddisfacesse (e addirittura superasse) tutte le aspettative dei clienti.

La casa automobilistica ha rilasciato un comunicato stampa ufficiale che conferma la presenza di Bugatti al Nurburgring per apportare le ultime modifiche alle sospensioni e alla maneggevolezza della Chiron Pur Sport. Si tratta di valutazioni finali del comportamento del telaio prima che il suo software di controllo responsabile dello sterzo, degli ammortizzatori e dell’ESC sia bloccato. Da questo punto fino all’inizio della produzione, spiega l’azienda, tutti i sistemi vengono controllati per verificarne la piena compatibilità tra loro.

Per noi è estremamente importante che il cliente di una Chiron Pur Sport percepisca immediatamente l’approccio molto più radicale che stiamo adottando con questa vettura in termini di dinamica di guida“, spiega Stefan Ellrott, responsabile dello sviluppo dell’azienda. “Con la sua topografia insolita, le numerose curve e la sezione ad alta velocità da Döttinger Höhe in poi, il circuito del Nordschleife è molto esigente sia per chi guida che per il veicolo, quindi è ideale per la nostra nuova auto, che è ottimizzata per l’agilità e la velocità“.

Naturalmente non tutti guidano la propria auto solo in pista, anche se si tratta di una Bugatti da pista. Anche nei giorni normali e nei viaggi sulle strade pubbliche, il costruttore francese vuole assicurarsi che la Chiron Pur Sport sia in grado di fare praticamente tutto.

bugatti pur sport
(Image by Motor1)

L’impressione che il cliente ha dell’auto nell’uso quotidiano è per noi un punto focale tanto quanto la corsa in pista – in questo modo ci assicuriamo che la comprovata versatilità di questo membro della famiglia Chiron sia altrettanto tangibile“, aggiunge Jachin Schwalbe, responsabile dello sviluppo dei telai,.

Il veicolo deve essere estremamente preciso e prevedibile, ma anche facile da guidare nel solito modo Bugatti – sia su pista che su strade pubbliche”.

Bugatti ha in programma di costruire non più di 60 esemplari della Chiron Pur Sport con l’inizio dell’assemblaggio previsto per la seconda metà del 2020 presso lo stabilimento di Molsheim, Francia, del marchio.