La F1 finalmente riparte. La stagione 2020 scatterà dal Gran Premio d’Austria, un tracciato che negli ultimi due anni ha visto la Red Bull protagonista.

Verstappen (Getty Images)
Verstappen (Getty Images)

Finalmente c’è aria di F1. La stagione 2020, che doveva cominciare a marzo, scatterà nel prossimo weekend in Austria, nel circuito di proprietà della Red Bull. Proprio le Lattine hanno vinto le ultime due edizioni del GP con Max Verstappen. Spettacolare l’olandese nel 2019 quando è riuscito a cogliere un clamoroso successo con un’incredibile rimonta ai danni di Leclerc.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

FRENCH FLASHBACK: A few seconds into our first race at Circuit Paul Ricard for 28 years, it all kicked off 💥 👀 🇫🇷 . #F1 #Formula1 #FrenchGP #FrenchGrandPrix #CircuitPaulRicard #PaulRicard #SebastianVettel #ValtteriBottas #ScuderiaFerrari #MercedesAMGF1

Un post condiviso da FORMULA 1® (@f1) in data:

Il tracciato austriaco, invece, nelle ultime edizioni non ha sorriso molto alla Ferrari, che da quando si corre sul Red Bull Ring, ovvero dal 2014, non è mai riuscita a cogliere un successo anche se c’è andata vicinissima nella passata edizione con Leclerc.

Al momento il record in gara sul Red Bull Ring è tra le mani di Kimi Raikkonen, che nel 2018 fermò il cronometro sull’1:06.957. Dal suo ritorno in calendario nel 2014 si è registrato un vero e proprio dominio della Mercedes che ha vinto ben 4 volte con 3 piloti differenti.

C’è grande attesa per questo primo appuntamento della stagione 2020, che verrà replicato anche la domenica successiva sul medesimo tracciato per un’inedita doppietta. Per ora, a bocce ferme, sembra una partita tra Red Bull e Mercedes, ma sono in tanti a scommettere che sinora la Ferrari si sia solo nascosta prima di piazzare la zampata decisiva in gara.

Palinsesto Sky

Venerdì 3 luglio
Prove Libere 1: dalle 11:00 alle 12:30
Prove Libere 2: dalle 15:00 alle 16:30

Sabato 4 luglio
Prove Libere 3: dalle 12:00 alle 13:00
Qualifiche: dalle ore 15:00

Domenica 5 luglio
Gara: ore 15:10

GP d'Austria (Getty Images)
GP d’Austria (Getty Images)