Skoda è stata piuttosto impegnata ultimamente con la sua line-up che è cresciuta per attrarre chi è alla ricerca di veicoli elettrici e di tecnologie ibride.

skoda g tec
(Image by Motor1)

Anche se non ricevono la stessa attenzione negli Stati Uniti, Skoda ha avuto successo in Europa e in altre parti del mondo, dove la loro vasta gamma di prodotti è molto apprezzata con una tonnellata di sistemi di propulsione convenzionali e alternativi. La nuova Skoda Octavia G-Tec entra a far parte della famiglia Octavia con un’autonomia e un’efficienza ancora migliore di prima, offrendo una grande alternativa alle solite opzioni benzina ed elettriche.

Per chi se lo chiedesse, Skoda Octavia G-Tec è progettata per funzionare a gas naturale compresso (CNG) ed è una delle tante auto Skoda che offrono la stessa tecnologia. La Octavia ha adottato il propulsore G-Tec nel 2014 e nel corso degli anni ha subito numerosi aggiornamenti. L’ultima iterazione vede il motore bicarburante turbo da 1,5 litri produrre 129 cavalli, e può bruciare il carburante in modo più pulito in modalità CNG, con conseguente riduzione del 25% delle emissioni di anidride carbonica, significativamente meno ossido di azoto e nessuna particella di fuliggine.

Tre serbatoi che si trovano nel sottoscocca possono contenere fino a 17,33 kg di GNC, mentre un serbatoio da 9 litri è lì per i casi in cui il GNC potrebbe non essere disponibile.

Il controllo variabile delle valvole di aspirazione che utilizzano il processo di combustione Miller può portare a un’autonomia di 100 km per ogni 3,4 – 3,6 kg di GNC, e 4,6 litri per 100 km in modalità benzina. Ciò si traduce in un’autonomia stimata di circa 500 chilometri in modalità GNC, e altri 190 chilometri utilizzando benzina normale, con il risultato di quasi 700 chilometri di guida. Il passaggio dalla modalità GNC alla benzina avviene automaticamente senza l’intervento del conducente.

La Skoda Octavia G-Tec sarà disponibile in versione berlina e station wagon e sarà in vendita in Europa a settembre.