Test MotoGP Misano, Giorno 3: l’Aprilia va fortissima

L’Aprilia continua a stupire durante i test e si candida ad un ruolo da protagonista nella MotoGP che verrà nei prossimi mesi.

Aleix Espargaro (Getty Images)
Aleix Espargaro (Getty Images)

L’Aprilia aveva già mostrato qualcosa di positivo nei test prima dell’esplosione del coronavirus, tanto da far gridare in tanti al miracolo, ma ora la casa di Noale sembra proprio voler confermare i grandi progressi fatti in inverno. A firmare il miglior tempo di giornata, infatti, ci ha pensato Aleix Espargaro che ha fermato il cronometro sull’1:32.932 ad appena 20 millesimi dalla migliore prestazione di questa tre giorni di testa che ha firmato, invece, Miguel Oliveira con la sua KTM.

Un segnale davvero incoraggiante quello dell’Aprilia che sulla pista di Misano non è mai andata molto forte. Se pensiamo poi che ha praticamente replicato i tempi della KTM che un anno fa tra queste curve aveva piazzato Pol Espargaro in prima fila vuol dire che questa moto sembra davvero riuscitissima.

Prove comparative per la Suzuki

Meglio è andata anche a Bradley Smith, che si è comunque fermato a circa mezzo secondo dal compagno di squadra. L’inglese sostituirà Andrea Iannone in Aprilia nell’attesa che il rider di Vasto venga scagionato dalle assurde accuse di doping.

Tra le due Aprilia si è inserita la Ducati di Michele Pirro, che ha portato al battesimo tante novità sviluppate a Borgo Panigale in questi mesi. Il rider italiano non è andato oltre l’1:33.038.

Il gruppo è stato chiuso da Sylvain Guintoli che sulla Suzuki si è concentrato più che altro sulla messa a punto della moto facendo delle prove comparative con il nuovo telaio, lavoro che sarà utile a Rins e Mir di partire con le idee più chiare per il primo appuntamento della stagione.

Antonio Russo

MotoGP - Aleix Espargaro (Getty Images)
MotoGP – Aleix Espargaro (Getty Images)