A meno di un mese dal via parlano Marc Marquez e suo fratello Alex. Nessun commento sulle voci di mercato piloti che vedono i due fratelli dividersi in box differenti.

Marc Marquez e Alex Marquez (Getty Images)
Marc Marquez e Alex Marquez (Getty Images)

Marc Marquez e Alex sempre più inseparabili dopo la quarantena, peccato che il sogno di vederli insieme nello stesso box durerà solo una stagione, dato che HRC ha deciso di arruolare Pol Espargarò per il biennio 2021-2022. Nello scorso week-end i due campioni hanno parlato nel corso di un torneo dell’eLiga Santander, una competizione di calcio virtuale.

Nessun commento sulle vicende del mercato piloti, entrambi si sono detti entusiasti di poter tornare in pista fra meno di un mese. Stessa squadra ma con obiettivi opposti: il fratello maggiore punta al nono titolo mondiale, il minore ad adattarsi alla RC213V. “Iniziare a casa, a Jerez, sarà un lusso”, ha detto Alex Marquez. “Per me l’importante sarà adattarsi prima possibile”.

Marquez punta al nono Mondiale

Per Marc Marquez, invece, nulla di nuovo sotto al cielo, se non una concorrenza più agguerrita con cui dover fare i conti. “C’è stata questa pausa obbligatoria, ora siamo in piena preparazione fisica. Nel corso del lockdown abbiamo giocato ai videogame più che allenarci. Ora la situazione è stata capovolta. Non puoi fallire, dovrai stare attento alle cadute. La stagione sarà intensa ma breve. Sarà dura fisicamente e mentalmente”.

La spalla ora è ok, non avrà nessun problema ti natura fisica, anche se resta l’interrogativo di una moto con qualche problemino tecnico durante l’ultimo test a Losail. “L’approccio è sempre quello di vincere, di lottare per il titolo. Sono il primo a dirlo – ha detto Marc Marquez -… Se la stagione fosse iniziata nella data corretta, avrei sofferto nelle prime quattro o cinque gare. Ha recuperato al 100%. Non avrò la scusa della spalla, dovrò trovarne un’altra”.

MotoGP - Marc Marquez e Alex Marquez (Getty Images)
MotoGP – Marc Marquez e Alex Marquez (Getty Images)