Alex Zanardi non ha colpe nel suo incidente: ecco la prova che lo scagiona

Un filmato amatoriale dell’incidente rivela che Alex Zanardi, contrariamente a quanto affermavano le prime voci, non teneva in mano il telefonino

Alex Zanardi (Foto Bmw)
Alex Zanardi (Foto Bmw)

Nessuna imprudenza. Alex Zanardi non stava affatto prendendo alla leggera la pedalata in handbike, sulla discesa della strada statale che da Pienza portava a San Quirico d’Orcia. E, nello specifico, non era affatto distratto dal telefonino, come aveva frettolosamente ipotizzato un testimone nelle prime ore successive allo schianto con il camion.

A rivelarlo sono le ultime prove raccolte dai carabinieri e dalla procura di Siena, che continuano la loro puntuale e rigorosa indagine sulle cause del tragico incidente. In particolare è un filmato, realizzato durante la tappa dal videomaker perugino Alessandro Maestrini e acquisito agli atti, che rivela che il campione paralimpico stava impugnando entrambi i manubri del mezzo e lo teneva sotto controllo.

“Alex Zanardi non teneva il cellulare in mano al momento dello schianto”, conferma infatti Maestrini. “Dopo aver affrontato una salita pedalando con le mani, al momento della discesa Zanardi ha preso il telefonino e fatto alcune riprese a bassa velocità, poi lo ha riposto, lo ha messo via, e ha continuato la discesa fino al punto dell’incidente. Diverso tempo dopo l’impatto il cellulare squillava dal vano dell’handbike ed è stato preso dai carabinieri”.

Quella tragica sbandata di Zanardi

Dunque Zanardi esce completamente scagionato dalle voci che parlavano di una sua potenziale responsabilità nell’incidente. Semmai, sembra che a provocare questo drammatico episodio sia stata una sbandata del tutto involontaria, che ha compromesso la traiettoria della handbike.

Questa versione è ribadita anche dal 44enne autista del mezzo pesante contro cui si è schiantato Alex, che continua ad affermare la sua innocenza ed è ancora comprensibilmente sotto shock:” La situazione è brutta, anche se non è stata colpa mia”, ha spiegato ai microfoni del Giornale Radio Rai. “Quando ho visto che lui sbandava mi sono buttato tutto sulla destra, ma mi è venuto addosso, è scivolato verso il camion e mi ha colpito. Sono mortificato, penso di aver fatto il possibile. Penso tutte le notti a quel momento, mi dispiace e gli sono vicino. Non so come finirà, ma sono a terra”.

Leggi anche —> Le parole più belle di Alex Zanardi: “Sono un uomo fortunato” (VIDEO)

Alex Zanardi (Foto Bmw)
Alex Zanardi (Foto Bmw)