Lin Jarvis reputa frustrante non poter testare con Jorge Lorenzo come da programma. Per lui non c’è posto come pilota se decidesse di tornare.

Lin Jarvis, team principal della Yamaha (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)
Lin Jarvis, team principal della Yamaha (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Jorge Lorenzo e Yamaha hanno dovuto interrompere il programma di test deciso per quest’anno, comprese la wild card al Montmelò ed altre eventuali. La pandemia di Coronavirus ha spinto Dorna ad annullare ogni jolly in gara e il test del maiorchino in programma ad aprile a Motegi è stato annullato.

Un test team bloccato dal Covid

Non sarà neppure semplice girare in Europa quest’anno, data la difficoltà a trasferire personale giapponese nel Vecchio Continente. Inoltre il congelamento di motore e aerodinamica spinge a rivedere il lavoro e gli investimenti del test team. Jorge ha girato solo due giorni in Malesia a febbraio con la M1 del 2019. “È frustrante, non posso descrivere il caso di Jorge in nessun altro modo quest’anno” , ha dichiarato Lin Jarvis a Speedweek.com. ” L’epidemia di Covid 19 ha portato molti aspetti frustranti. I nostri piani con Lorenzo sono stati seriamente colpiti. Jorge ha guidato per due giorni a Sepang, che era solo un test di re-azione per lui. Non ha fatto molto per noi. Doveva principalmente abituarsi alla moto. Quindi avrebbe dovuto provare in Giappone e sulle piste europee. Tutto era ben pianificato ed è stato cancellato”.

Nessuna chance come pilota Yamaha

Nei progetti di Jorge Lorenzo c’era anche un possibile ritorno alle corse, magari nel team Yamaha Petronas SRT, forse al posto di Franco Morbidelli o Valentino Rossi. A questo punto ogni strada resta preclusa al maiorchino. “I quattro posti della MotoGP sono pieni, se Valentino decide di continuare e firma per il team Petronas. E come spero Franco Morbidelli rimarrà con noi e continuerà con il team SIC, probabilmente Yamaha non avrà un posto per Jorge. Dovrebbe parlare con un concorrente se vuole ricominciare un’intera stagione. Ci sono produttori come la Ducati che non hanno ancora finalizzato i loro piloti. Finora hanno firmato un solo contratto”. Ed è quello di Jack Miller. Quindi nel caso dovesse saltare la trattativa con Andrea Dovizioso l’affare sarebbe possibile? Da Ducati smentiscono, quindi vedremo cosa riserva il futuro per Jorge.

Leggi anche – – -> > > Massimo Rivola: “Aleix Espargarò vuole vincere? Forse le gare virtuali”

I piloti Maverick Vinales e Valentino Rossi con il management Yamaha, Lin Jarvis, Takahiro Sumi e Maio Meregalli (Foto Yamaha)
I piloti Maverick Vinales e Valentino Rossi con il management Yamaha, Lin Jarvis, Takahiro Sumi e Maio Meregalli (Foto Yamaha)