Il dottor Giuseppe Oliveri, il neurochirurgo che ha operato Alex Zanardi, ha definito l’intervento “riuscito”, ma in “condizioni molto gravi”

Alex Zanardi (Foto Bmw)
Alex Zanardi (Foto Bmw)

È attualmente mantenuto in coma farmacologico nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Le Scotte di Siena Alex Zanardi, sottoposto ieri sera ad un intervento neurochirurgico a seguito dei danni riportati nello schianto della sua handbike con un camion. Ad eseguire l’operazione è stato il dottor Giuseppe Oliveri, direttore della Neurochirurgia nel nosocomio senese, che oggi racconta un esito “riuscito, è andato come doveva andare”, ma non nasconde nemmeno che le “condizioni iniziali erano molto gravi”.

Oliveri spiega infatti che il campione bolognese “è arrivato con un trauma cranico facciale importante, aveva due ossa frontali fratturate con affondamento delle stesse più quello che chiamiamo ‘fracasso facciale’, cioè tutte le ossa della faccia rotte. È stato operato per rattoppare la situazione”.

Alex Zanardi a rischio peggioramento

Al momento, però, le condizioni sono tali da consentire le cure: “Tutti i numeri sono buoni, ovviamente neurologicamente in questo momento non è valutabile pur rimanendo la situazione tanto grave, ma è un malato che vale la pena di curare. Il quadro neurologico lo vedremo a distanza, quando si sveglierà. I miglioramenti, in questi casi, si vedono nel tempo, i peggioramenti possono essere repentini”, aggiunge il neurochirurgo. Dopo l’intervento Zanardi è stato sottoposto anche ad una Tac, a cui però non ne sono seguite altre: “Ha un cateterino per la misurazione della pressione intracranica che ci tiene informati”, chiosa Oliveri.

Aggiunge il responsabile della Rianimazione dell’ospedale, Sabino Scolletta: “C’è una situazione importante dal punto di vista del danno cerebrale, purtroppo il quadro neurologico è molto grave e incerto. Potrebbe instabilizzarsi da un momento all’altro, quindi potrebbero esserci dei peggioramenti, ma al momento, la stabilità esclude questa ipotesi. Le condizioni stabili sono sicuramente un buon segno da un punto di vista diagnostico e di questo siamo soddisfatti”.

Leggi anche —> Alex Zanardi in terapia intensiva dopo l’incidente: queste le sue condizioni

Alex Zanardi con la sua handbike (Foto Bmw)
Alex Zanardi con la sua handbike (Foto Bmw)