Un viaggio attraverso il passato di Bugatti insieme al capo del reparto design della casa automobilistica per riscoprire antiche leggende.

bugatti
(Image by Motor1)

Partito con Porsche nel 1993 prima di passare al Gruppo Volkswagen nel 1996, Achim Anscheidt ha una carriera illustre nel design automobilistico. Dal 2004 dirige il reparto di design della Bugatti e sotto il suo regime sono nate molte delle notevoli varianti Veyron.

Ma tra tutte le Veyron mai realizzate, Anscheidt ha sei varianti preferite. È un po’ difficile per lui, credo, perché è come scegliere il preferito tra i suoi figli.

Guardare indietro alla Veyron Pur Sang è come ricordare la nascita del tuo primo figlio. Non si dimentica mai un evento così emozionante. Brucia nel profondo della memoria“, ha detto Anscheidt.

La Veyron Pur Sang è l’inizio della gamma di edizioni speciali e del programma di personalizzazione di Bugatti. Sono state realizzate solo cinque unità della Pur Sang, esaurite in 45 minuti al Motor Show di Francoforte.

Il contrasto tra carbonio e alluminio fa risaltare la Pur Sang, che all’epoca era una novità assoluta per l’ingegneria automobilistica.

Era la prima volta che noi del reparto di progettazione applicavamo in modo così sistematico l’approccio “la forma segue le prestazioni“”, ha spiegato Anscheidt.

bugatti
(Image by Motor1)

Essendo l’auto supersportiva di produzione più veloce del mondo, l’inclusione della Veyron 16.4 Super Sport in questo elenco non è affatto una sorpresa.

Curiosità: i dettagli sul tetto della Veyron 16.4 Super Sport erano basati sulla Bugatti EB110 SS degli anni ’90.

Realizzata in porcellana di alta qualità dentro e fuori, definire straordinaria la Veyron 16.4 Grand Sport L’Or Blanc è un eufemismo. La sua verniciatura astratta si sposa bene con l’obiettivo della Bugatti con questa one-off – un’auto d’arte.

All’inizio ero piuttosto scettico su questa idea, perché non volevo assolutamente emulare opere d’arte automobilistica come quelle di Andy Warhol, Jeff Koons, Frank Stella o Roy Lichtenstein“, ha detto Anscheidt.

Come unica Bugatti open-top Bugatti a tutt’oggi, la Veyron 16.4 Grand Sport Vitesse ha stabilito un nuovo record di velocità per le auto sportive open-top con i suoi 408,84 chilometri all’ora.

Ma non è questo che rende la Grand Sport Vitesse speciale per Anscheidt.

bugatti
(Image by Motor1)

Cosa rende la Grand Sport Vitesse così speciale per me? All’inizio, come progettisti, siamo stati criticati perché la Vitesse non sembrava abbastanza potente come roadster“, ha spiegato. “Ma i nostri clienti apprezzano il fatto che, quando il tetto è chiuso, sembra un coupé. E quando il tetto è aperto, possono godere dell’inimitabile sensazione di una roadster”.

La Veyron Grand Sport Venet era un’altra art car, realizzata in collaborazione con l’artista e scultore francese Bernar Venet.

Sviluppare un’auto con un artista famoso che non è in alcun modo legato al design automobilistico può essere un’impresa difficile. Con Bernar Venet è stato un processo creativo dall’inizio alla fine. È stato affascinante e impressionante poter testimoniare come lavora e come crea sculture di grandi dimensioni. Abbiamo lavorato a stretto contatto e alla fine abbiamo creato qualcosa di veramente straordinario”, ha detto Achim Anscheidt.

La presenza della morbida e naturale pelle cordovanica nelle Les Légendes de Bugatti – Ettore Bugatti l’ha resa così speciale per Anscheidt, come per le altre auto in edizione Legends. Ma soprattutto spicca l’edizione finale della gamma di modelli basati sulla Veyron 16.4 Grand Sport Vitesse.

Chiunque abbia mai posseduto un paio di scarpe realizzate con questo materiale comprenderà la notevole qualità della pelle cordovan e ne apprezzerà la durata. Questo è stato proprio il nostro punto di partenza quando abbiamo creato gli interni di questa Leggenda“, spiega Achim Anscheidt.