Massimo Rivola: “Un team satellite entro la stagione 2022”

Massimo Rivola proverà a portare in pista 4 Aprilia nella stagione 2022. Adesso la priorità è fare risultato con la nuova RS-GP.

Massimo Rivola (Getty Images)
Massimo Rivola (Getty Images)

Massimo Rivola è il nuovo CEO di Aprilia Racing da gennaio 2019. A lui spetta il compito di riportare la casa di Noale ai vertici della classe regina dopo i 54 mondiali vinti nella storia. Secondo obiettivo sarà impegnare altre due moto per un team satellite nel 2022, impresa per nulla facile.

Ancora presto per fare delle valutazioni esatte, ma il direttore sportivo Aprilia non nega di pensarci già. “Stiamo gradualmente esaurendo il tempo per preparare il nostro impianto con la nostra infrastruttura per il 2022. Questo richiederà tempo. Dobbiamo costruire camion, assumere personale, costruire una hospitality e molto altro”, ha spiegato Massimo Rivola a Speedweek.com. “Ma questo è sicuramente il nostro obiettivo… Avere quattro moto e quattro piloti in pista aiuta a migliorare le prestazioni. Puoi migliorare la stabilità dei motori, ottenere più dati per gli ingegneri di Noale”.

Aprilia al lavoro sul nuovo motore

L’aspetto più difficile è il fatto che non ci siano molti team disponibili, ad eccezione di Avintia che sembra legata a Ducati anche oltre il 2021. “Oltre a Gresini, rimase solo Avintia, che è alleata con la Ducati fino a dopo il 2021. Saremmo sicuramente felici se potessimo continuare a lavorare con Gresini perché abbiamo una relazione di lunga data con lui. Ma dobbiamo dimostrare a Gresini che siamo abbastanza competitivi. In modo che possiamo scegliere Gresini”,

Anche Suzuki sta pianificando di formare un team di clienti e tiene d’occhio Gresini. “Il nostro obiettivo è sicuramente avere quattro moto in pista nella stagione 2022”. Ma nel breve termine l’obiettivo primario è ottenere risultati con la nuova RS-GP, un prototipo nuovo che dovrà fare i conti con eventuali problemi di giovinezza del motore V4 a 90°. “Abbiamo solo un mese per sviluppare il motore che è stato inaugurato a Natale per la prima volta – ha concluso Massimo Rivola -. Puoi immaginare che la nostra moto non sia matura”.

Leggi anche —> Petrucci supera Dovizioso nella corsa al sellino per restare in MotoGP

L'amministratore delegato del reparto corse Aprilia, Massimo Rivola (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)
L’amministratore delegato del reparto corse Aprilia, Massimo Rivola (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)