La carriera di Abt potrebbe essere davvero giunta al capolinea. Dopo l’imbroglio nella FE virtuale, nessuno lo vuole schierare.

Daniel Abt (Getty Images)
Daniel Abt (Getty Images)

Quello “scivolone” quasi infantile commesso durante uno dei round della FE virtuale in cui, per paura di fare brutta figura si era fatto sostituire all’insaputa di tutti da un sim racer professionista, potrebbe essere costato davvero caro a Daniel Abt.

Già mal visto perché figlio del patron del team poi diventato Audi, nonché per i presunti magheggi dietro al Fan Boost di cui misteriosamente era sempre il re, dopo il fattaccio di Berlino dello scorso fine maggio il tedesco è stato dapprima sospeso per il finale della Formula E Home Challenge e adesso addirittura sostituito dalla Casa dei Quattro Cerchi per il ritorno alle corse in pista.

L’equipe ha infatti reso noto che per la volata conclusiva del campionato al 100% elettrico che si snoderà nell’arco di 9 giornate tra il 5 e il 13 agosto proprio sul tracciato di Tempelhof, al volante della e-tron FE06 ci sarà il campione del DTM René Rast.

“L’impegno richiesto dalla serie è elevato”, ha dichiarato il 33enne. “Oltre alla velocità pura bisogna essere efficienti nella gestione delle batterie e adottare una strategia perfetta sui layout più angusti dove solitamente le cose si fanno complicate. Grazie ai test che farò ad inizio luglio e all’esperienza al simulatore proverò ad essere il più pronto possibile al mio arrivo in Germania. Dovrò apprendere rapidamente”.
“Essendo un uomo Audi e avendo un curriculum di primo piano la scelta è stata semplice”, ha commentato invece il responsabile motorsport del brand germanico Dieter Gass. “In passato ha dimostrato di essere uno veloce anche nelle nuove categorie, inoltre, il fatto che non ci siano concomitanze con il DTM ci consente di farlo gareggiare altresì nei sei ePrix rimanenti e dare una mano alla scuderia a dire la sua nella lotta per il titolo”.
Formula E - Daniel Abt (Getty Images)
Formula E – Daniel Abt (Getty Images)
Chiara Rainis