Sicurezza: ecco perché Volvo ha limitato la velocità a 180 km/h

Volvo ha annunciato che tutte le sue auto, comprese le top di gamma, saranno limitate elettronicamente alla velocità massima di 180 km/h. Ecco perché.

volvo
(Image by Motor1)

Dopo un primo annuncio del marzo 2019, il mese scorso Volvo ha confermato che tutti i nuovi veicoli del costruttore avranno un limitatore di velocità massima settato a 180 chilometri all’ora. In sostanza, anche se si acquista l’auto più potente e sportiva della marca, non sarà possibile superare questa velocità.

La motivazione di Volvo per questa decisione è il suo tentativo di ridurre le morti e i feriti gravi nelle auto Volvo, e fondamentalmente eliminarli nei prossimi anni. Ma, ovviamente, anche 180 km/h sono ben al di sopra del limite di velocità in molti paesi del mondo – questo significa che la decisione non ha senso?

180 km/h è ancora una velocità sostenuta, quindi sarà la fine dell’eccesso di velocità? No, non lo è”, ha commentato Malin Ekholm, responsabile del Volvo Cars Safety Center, in una recente intervista ad Autocar.È un limite, e non c’è davvero motivo di andare più veloce di 180 km/h. Tutti parlano di eccesso di velocità, ma volevamo fare qualcosa per dimostrare che facciamo sul serio. Questo darà inizio a un dialogo approfondito sull’argomento”.

In poche parole, Volvo vuole che il mondo inizi finalmente a prendere sul serio la velocità e a cambiare il comportamento e l’atteggiamento generale dei conducenti. Ci deve essere però un equilibrio tra libertà di movimento e sicurezza.

Come possiamo bilanciare la libertà di movimento con la sicurezza, che aspetto ha la tabella di marcia e come possiamo includere gli scettici? Il limite di velocità è il primo passo per capire cosa sia la velocità sicura – e come possiamo aiutarvi a mantenerla“, ha aggiunto Ekholm. “Vent’anni fa, non era necessariamente divertente guidare veloce, perché non era comodo. Ora le auto sono fantastiche e si comportano allo stesso modo a qualsiasi velocità, quindi come possiamo tradurre i vecchi segnali che si ricevevano quando si andava troppo veloci in un contesto moderno?”

Chissà se questa teoria di Volvo darà i suoi frutti nei prossimi anni. Staremo a vedere.