Massimo Rivola annuncia che Bradley SMith prenderà il posto di Andrea Iannone fino a quando non si esprimerà il Tas. Vari i nomi sul tavolo per il 2021.

Bradley Smith nei test con la Aprilia MotoGP (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)
Bradley Smith nei test con la Aprilia MotoGP (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Bradley Smith prenderà il posto di Andrea Iannone fino a quando il Tas non avrà espresso la sua sentenza sul caso doping. Ad annunciarlo è Massimo Rivola a Speedweek.com, confermando che difficilmente rivedremo il pilota di Vasto in pista prima di agosto. Finora, il collaudatore Bradley Smith ha rappresentato Iannone nei test del 2020, sia a febbraio a Sepang e Losail, sia la scorsa settimana nel primo test dopo il lockdown a Misano, dove mancava anche Aleix Espargaró.

Smith non parteciperà al campionato MotoE per concentrarsi a tempo pieno sul ruolo di pilota, dato che si giocherà una chance importante anche in vista della stagione 2021. Perché c’è il serio rischio che Andrea Iannone rimanga fuori anche il prossimo anno. “Inizierà sicuramente la stagione per noi – ha detto Massimo Rivola -. Bradley guiderà fino a quando Andrea Iannone non sarà nuovamente disponibile. In estate scopriremo se quest’anno Andrea potrà tornare in pista o meno”.

Leggi anche —> Petrucci supera Dovizioso nella corsa al sellino per restare in MotoGP

Le alternative a Iannone

Se il Tribunale sportivo internazionale TAS di Losanna conferma il divieto di 18 mesi per Iannone ad agosto, Aprilia dovrà cercare un driver sostitutivo per Iannone nel 2021. Finora piloti come Oliveira, Bagnaia, Nakagami, Crutchlow e Zarco non hanno ancora chiarito il loro destino, mentre Petrucci ha un mezzo accordo con KTM. “Nel caso in cui Andrea non fosse disponibile per noi per il 2021, c’è ancora una buona selezione di piloti sul mercato”, afferma Rivola. “Se i driver citati sono disponibili, sono contento di poterne sceglierne uno. Dobbiamo considerare se portare un pilota con esperienza perché la nostra moto è nuova di zecca e non ancora matura e dobbiamo ancora fare sviluppo. Un veterano potrebbe quindi essere utile. Ma ad essere sinceri: per il momento ci stiamo concentrando sulla disponibilità di Andrea Iannone nel prossimo futuro. Ecco perché non abbiamo ancora negoziato con nessuno”.

Del resto Bradley Smith potrebbe essere premiato in caso di buoni risultati nel 2020. “Ora ha delle ottime opportunità per dimostrarci la sua velocità. L’anno scorso, Bradley era in modalità “test rider” nelle sue wild card. Tuttavia, siamo certi che se diventerà un pilota regolare e sarà in grado di gestire più gare, migliorerà – ha concluso Massimo Rivola -. Come pilota devi premere di nuovo un interruttore nel tuo cervello. Mi aspetto che Bradley trovi questo interruttore e sia competitivo”.

Bradley Smith nei test con la Aprilia MotoGP (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)
Bradley Smith nei test con la Aprilia MotoGP (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)