Il Gran Premio del Mugello sembra davvero molto vicino alla F1. Anche il sindaco di Firenze Nardella ha dato una forte apertura all’evento.

Ferrari al Mugello (Getty Images)
Ferrari al Mugello (Getty Images)

Il Mugello è sempre stato sinonimo di moto. Negli anni è diventata prima la casa di Valentino Rossi, che tra queste curve ha vinto per 7 anni consecutivi e poi, negli ultimi anni, la dimora della Ducati, che ha conquistato le ultime tre edizioni del Gran Premio con tre piloti diversi: Andrea Dovizioso, Jorge Lorenzo e Danilo Petrucci.

L’autodromo però è anche sinonimo di Ferrari, che ne è la proprietaria. Nonostante ciò al Mugello, sinora non si è mai corso un Gran Premio di F1, anche se danni l’idea ha sempre stuzzicato gli organizzatori che hanno più volte provato a rincorrere la cosa.

Il Mugello è vicinissimo alla F1

Il coronavirus però potrebbe essere la tempesta perfetta per scombussolare le carte e permette al Mugello di ospitare un Gran Premio di F1. Il circuito ha già ricevuto l’autorizzazione dalla FIA e mai come in questo 2020, questa possibilità sembra davvero vicina a concretizzarsi.

Ad accendere ancora di più l’entusiasmo generale, come riportato da “Motorsport.com”, è arrivato Dario Nardella, sindaco di Firenze, che a margine di un evento organizzato a Palazzo della Signoria ha così affermato: “Penso che non siamo mai stati così vicini alla possibilità di avere la F1 a Firenze e all’autodromo del Mugello. Speriamo bene e incrociamo le dita affinché si corra un secondo GP qui in Italia. Praticamente è certo, quindi per la prima volta ce la possiamo giocare per un evento che sarebbe storico”.

Infine il primo cittadino della città gigliata ha così concluso: “Qualora si corresse al Mugello sarebbe un evento storico, che resterebbe negli annali dello sport mondiale dell’automobilismo, ma anche nella storia di Firenze”.

Antonio Russo

Ferrari (Getty Images)
Ferrari (Getty Images)