Franco Morbidelli cerca il riscatto nella stagione 2020. Dopo aver sofferto il suo compagno di squadra Fabio Quartararo proverà a dare il meglio di sè.

Franco Morbidelli ai box della Petronas Yamaha nei test MotoGP in Qatar (Foto Dorna)
Franco Morbidelli ai box della Petronas Yamaha nei test MotoGP in Qatar (Foto Dorna)

Il pilota della Yamaha Petronas Franco Morbidelli risponde sui social ad alcune domande dei suoi fan, svelando alcuni gusti e riflessioni sul Mondiale. In classe regina ha già corso 35 gare, oltre un centinaio nel Motomondiale, quindi da quest’anno avrà un maggior bagaglio di esperienze.

Il 25enne allievo della VR46 Riders Academy è arrivato decimo nel Campionato del mondo 2019 dopo aver chiuso undici delle 19 gare in una delle prime 10 posizioni. Tuttavia, non ha mai superato il quinto posto ed è stato messo in ombra dal suo compagno di squadra Fabio Quartararo. Una convivenza psicologica che ha influito non poco sull’italo-brasiliano che si è visto sorpassare in ogni senso dal rookie francese.

Il suo capotecnico Ramon Forcada è convinto che Morbidelli non abbia ottenuto tutto da sé l’anno scorso. Ultimo fattore ma non meno importante, c’è su di lui una pressione inaspettata sulle spalle: “Se passi a una squadra in cui il compagno di squadra dall’altra parte del campo può diventare campione del mondo, sai cosa aspettarti. Ma se non ci sono avvisi, è ovviamente uno shock più grande”, ha sottolineato il mese scorso nel podcast della MotoGP.

Il pre-gara e la curva preferita

La pressione è anche di aiuto a Morbidelli, come spiega il pilota della MotoGP nella video intervista di Petronas. Quando i fan gli chiedono come affronta la tensione prima di una gara Franco risponde: “Non ci provo perché penso che anche la tensione mi aiuti. Sono più concentrato durante la gara quando la tensione è alta, mi aiuta a essere meglio preparato. Quindi sto solo cercando di gestirla. E odio e amo questo sentimento allo stesso modo”.

Alla domanda su quale sia la sua curva preferita l’ex campione Moto2 non ha dubbi. “Sceglierei la terza curva a Phillip Island, è una curva a sinistra davvero veloce dove si guida su una specie di collina all’ingresso. Stai viaggiando a poco più di 200 km / h e devi controllare l’impennata… C’è anche il vento, che soffia abbastanza pesantemente perché il percorso è abbastanza aperto lì, quindi tu combatti anche contro il vento e devi ancora prendere la curva correttamente a un ritmo rapido perché è un punto chiave. L’adrenalina si alza davvero in alto, adoro guidarla”.

Leggi anche —> Petrucci supera Dovizioso nella corsa al sellino per restare in MotoGP

Franco Morbidelli (Getty Images)
Franco Morbidelli (Getty Images)