Mick Doohan: “Il calendario può aiutare gli inesperti”

Il cinque volte campione della classe regina prova a fare un pronostico sulla prossima stagione: il calendario potrebbe agevolare i piloti inesperti.

Mick Doohan (getty images)

Mick Doohan, l’ex pentacampione della classe regina e icona della Honda, prova a fare delle previsioni sulla prossima stagione MotoGP che, a causa dell’emergenza Covid-19, subirà modifiche sostanziali al calendario, con 13 gare ravvicinate. Ci sono cinque doppi GP sulla stessa pista nel calendario 2020, a cominciare dalla prima gara a Jerez in programma il 19 e il 26.

Questo particolare calendario potrebbe essere un vantaggio per tutti quei piloti che non hanno ancora familiarità con le loro moto. Il cinque volte campione della 500cc spiega nella live chat della MotoGP con Jack Appleyard e Simon Crafar: “È certamente insolito che due gare successive si svolgano sullo stesso tracciato in un campionato mondiale. Ma alla fine è ancora un campionato normale – ha spiegato Mick Doohan – e le condizioni possono cambiare molto da una settimana all’altra. Il tempo può cambiare, ad esempio, come può capitare che le condizioni cambino da un giorno all’altro”.

Leggi anche —> Petrucci supera Dovizioso nella corsa al sellino per restare in MotoGP

Ma negli equilibri in pista poco potrebbe cambiare. “I migliori piloti continueranno a competere l’uno contro l’altro in MotoGP, quindi continueranno ad esserci delle vere gare con veri campioni. Certo, sembrerà un po’ diverso, anche perché non avremo spettatori in pista almeno all’inizio. Ma sarà ancora emozionante sulle piste e sono sicuro che ci saranno ancora combattimenti duri”. Ma chi trarrà maggiori vantaggi da quest’anno inedito? “I piloti veloci come Marc Marquez saranno sempre forti indipendentemente dal percorso e saranno in testa ogni settimana. Ma per tutti i piloti inesperti, tutti i principianti e coloro che non hanno ancora familiarità con la loro moto, è ovviamente un vantaggio, così come per i produttori che hanno bisogno di più tempo per mettere a punto la moto-Almeno ottengono più tempo di percorrenza ufficiale sulla stessa pista, anche se le condizioni possono cambiare come ho detto”.

Mick Doohan (Getty Images)
Mick Doohan (Getty Images)