MotoGP, meno cadute nel 2019: Johann Zarco maglia nera

Il numero di cadute nella stagione 2019 è sotto quota mille. Il numero più basso dal 2015, merito del miglior adattamento alle gomme.

Alex Marquez (getty images)

Nella stagione 2019 il numero di cadute nel Motomondiale non ha superato quota mille, per la prima volta dal 2015. Nelle tre categorie si sono registrate 971 cadute in 19 gare, rispetto alle 1077 della stagione precedente. Stavolta non è più Marc Marquez a detenere il maggior numero di incidenti nel corso della stagione, bensì Johann Zarco, il pilota francese che ha registrato sin troppi problemi ad adattarsi con la KTM RC16. Un feeling mai nato tra l’ex campione Moto2 e la moto arancione, tanto che hanno deciso di separarsi prima del finale di campionato e nonostante due anni di contratto insieme.

Johann Zarco ha accumulato un totale di 17 gare, una media di una caduta per GP, collezionando il doppio delle cadute rispetto al 2018, sebbene questa non sia la tendenza generale nella classe MotoGP, come riporta il portale francese Paddock-GP. Il secondo pilota con il maggior numero di cadute è stato Jack Miller, con un totale di 15, due in meno rispetto al 2018. E il terzo posto in questo podio particolare è per Marc Marquez. Sebbene la Honda abbia avuto il primato di essere il pilota con il maggior numero di cadute, nel 2019 è andato a terra “solo” 14 volte, rispetto alle 23 volte del 2018.

Gomme Michelin e classi minori

Rispetto all’anno prima tutti i piloti della MotoGP sembrano essersi adattati alle nuove gomme Michelin e i costruttori hanno meglio impostato i prototipi con queste nuove mescole. Inoltre, la gomma posteriore della scorsa stagione ha garantito una maggiore aderenza e quindi più alti standard di sicurezza. Ciò ha aiutato i piloti a frenare meglio e ridurre il sovraccarico della gomma anteriore.

Leggi anche —> “Come andrà a finire tra Dovizioso e Ducati”: la previsione di Pramac

In Moto2 , la tendenza è simile alla categoria principale. Nel 2019 , sono state registrate 347 cadute in totale, il 17% in meno rispetto al 2018. Sam Lowes continua a guidare la classifica come pilota che è andato a terra più volte, anche se è riuscito a ridurre il numero. Da 27 cadute nel 2018 è sceso a 20 nella passata stagione. È in Moto3 che si verifica il maggior numero di cadute. In totale, ci sono state 404 cadute registrate nel 2019, più che nel 2018 (356 cadute).

Johann Zarco (getty images)