Presentato ieri sul sito della Ferrari il cortometraggio “Le Grand Rendez Vous”, che vede come protagonista Charles Leclerc sulla SF90 Stradale a Montecarlo

Charles Leclerc sulla SF90 Stradale durante le riprese del cortometraggio di Claude Lelouch a Montecarlo (Foto Ferrari)
Charles Leclerc sulla SF90 Stradale durante le riprese del cortometraggio di Claude Lelouch a Montecarlo (Foto Ferrari)

È stato presentato ieri sera in anteprima sul sito ufficiale della Ferrari il cortometraggio “Le Grand Rendez Vous”, girato lo scorso 24 maggio dal famoso regista Claude Lelouch a Montecarlo, nello stesso giorno in cui sarebbe stato previsto il Gran Premio di Formula 1, poi annullato causa coronavirus.

Protagonista Charles Leclerc, al suo esordio assoluto nel ruolo di attore: anche se, davanti alle telecamere dei diciassette membri della troupe che hanno lavorato nell’occasione, il Piccolo principe non ha dovuto recitare chissà quali battute, ma piuttosto fare ciò che gli riesce meglio, ovvero mettersi al volante.

Leclerc protagonista del cortometraggio di Lelouch

Il video lo ritrae infatti mentre guida una Ferrari SF90 Stradale, la prima ibrida di serie del Cavallino rampante, equipaggiata da un motore V8 da 1000 cavalli, che nell’occasione fra l’altro è stata provata per la prima volta su strada, nelle strette e tortuose stradine del Principato che normalmente ospitano la gara più attesa del calendario della F1.

Sul sedile a fianco del monegasco, padrone di casa, una misteriosa compagna di viaggio, che rappresenta proprio il centro focale della storia raccontata. Questo cortometraggio rappresenta un remake del cult “C’était un rendez vous”, realizzato dallo stesso Lelouch nell’ormai lontano 1976 a Parigi.

Leggi anche —> Il VIDEO di Leclerc attore: a 240 all’ora a Montecarlo con la SF90 stradale

Charles Leclerc sulla SF90 Stradale durante le riprese del cortometraggio di Claude Lelouch a Montecarlo (Foto Ferrari)
Charles Leclerc sulla SF90 Stradale durante le riprese del cortometraggio di Claude Lelouch a Montecarlo (Foto Ferrari)