Il plenipotenziario della Red Bull, Helmut Marko, prevede una Ferrari in ritardo rispetto al suo team e alla Mercedes. E non è il solo ad esserne convinto

La Ferrari dietro alla Mercedes nei test F1 2020 di Barcellona (Foto Wolfgang Wilhelm/Mercedes)
La Ferrari dietro alla Mercedes nei test F1 2020 di Barcellona (Foto Wolfgang Wilhelm/Mercedes)

La stagione 2020 della Formula 1 non è ancora cominciata e già la Ferrari si trova costretta a rincorrere. Questa, almeno, è la lettura di molti addetti ai lavori e osservatori, che tagliano fuori il Cavallino rampante dalla potenziale corsa al campionato del mondo di quest’anno, per colpa della mancanza di competitività della nuova monoposto SF1000.

Il primo ad affermarlo, con la consueta franchezza che lo contraddistingue, è il plenipotenziario della rivale Red Bull, Helmut Marko, il quale non inserisce la Rossa di Maranello tra le avversarie più accreditate in vista dell’annata che sta per prendere il via. “Ci aspettiamo un duello tra noi e la Mercedes”, dichiara esplicitamente Marko ai microfoni del sito specializzato tedesco F1 Insider. “Secondo noi, la Ferrari non è allo stesso livello dei migliori”.

Ferrari in ritardo fin dai test invernali

A spiegare le ragioni di questa convinzione è Marc Surer, ex pilota di Formula 1 e oggi commentatore tecnico per la televisione, che ha spiegato sempre alla stessa testata: “In pratica nei valori in campo non cambierà nulla di significativo rispetto agli ultimi test di febbraio”, analizza lo svizzero, già direttore sportivo della Bmw. “All’epoca è emerso chiaramente che Mercedes e Red Bull erano davanti, mentre la Ferrari era in ritardo. Hanno dovuto ridurre la potenza del motore per via delle restrizioni imposte dalla Fia e questo lo si è notato chiaramente a Barcellona. Alla Ferrari mancava velocità di punta”.

Ma il propulsore non sarebbe l’unico tallone d’Achille dell’ultima nata della Casa emiliana: “La Ferrari ha puntato su un nuovo progetto della vettura, con un retrotreno leggermente più rialzato”, prosegue Surer. “Hanno copiato questo sistema dal capo progettista della Red Bull, Adrian Newey. Ma una macchina del genere è molto difficile da comprendere, serve una grande esperienza, frutto di chilometri e chilometri in pista che la Ferrari non ha. Nemmeno il migliore dei simulatori può rimediare a questa mancanza”.

Secondo le analisi della McLaren, addirittura, le prestazioni realizzate dalla Ferrari nelle prove pre-campionato sarebbero state sufficienti da inserirla appena a centro gruppo. Insomma, se questi dati sono attendibili, Charles Leclerc e Sebastian Vettel sono attesi ad un campionato di grande sofferenza.

Leggi anche —> La Mercedes non ha il miglior motore: l’ammissione di Toto Wolff

Helmut Marko (Foto ServusTV/Neumayr/Leo/Red Bull)
Helmut Marko (Foto ServusTV/Neumayr/Leo/Red Bull)