F1 2020, ecco perché la Ferrari deve temere la Racing Point

Nei test invernali la Racing Point è apparsa più in forma rispetto alla Ferrari e le novità dell’ultima ora fanno pensare che in gara sarà lo stesso.

La SF1000 di Sebastian Vettel in pista nei test F1 di Barcellona (Foto Ferrari)
La SF1000 di Sebastian Vettel in pista nei test F1 di Barcellona (Foto Ferrari)

Brutte news per la Rossa. Mentre lei scenderà presto in pista a Fiorano con la SF71H del 2018 per consentire a Sebastian Vettel e Charles Leclerc di riprendere  dimestichezza al volante di una F1, la Racing Point, oggi sua più grande rivale per il podio, potrà invece riprendere direttamente con la vettura del 2020.

La scuderia di proprietà di Lawrence Stroll ha prenotato per il 17 giugno il tracciato di Silverstone e con il figlio Lance sarà protagonista di un “filming day”. Anche se per queste giornate a scopo promozionale il chilometraggio è ridotto non potendo andare oltre i 100 km e le gomme utilizzate sono le Pirelli versione demo, l’opportunità di salire su l’auto che poi verrà schierata nel GP d’Austria in programma il 5 luglio, è e sarà senz’altro un aiuto non indifferente per quella che in molti hanno già ribattezzato la “Mercedes Rosa”.

In questo modo infatti il pilota canadese potrà farsi un’idea di ciò che lo attende a Spielberg, invece, il resto del gruppo potrà soltanto togliersi da dosso la ruggine accumulata nei lunghi mesi di inattività, o ancora come la Red Bull, non avrà la possibilità di fare nemmeno quello e di conseguenza dovrà far affidamento soltanto sul lavoro nel corso delle prime prove libere una volta in Stiria.

“Siamo ansiosi di scoprire quanto siamo competitivi”, ha affermato il team principal Otmar Szafnauer a Motorsport.com. “I primi circuiti su cui correremo dovrebbero sorriderci, Ungheria e Inghilterra compresi. Poi si torna in Spagna dove d’inverno la macchina si era comportata bene”, ha asserito sornione, consapevole che questa potrebbe rivelarsi una chance d’oro per l’ex Force India di raccogliere punti pesanti e quindi denaro a scapito magari proprio del Cavallino, non certo il team più brillante del pre-stagione.

La Racing Point di Lance Stroll in pista ai test F1 di Barcellona (Foto Mark Thompson/Getty Images)
La Racing Point di Lance Stroll in pista ai test F1 di Barcellona (Foto Mark Thompson/Getty Images)

Chiara Rainis