Volkwagen, ecco chi è il nuovo CEO dell’azienda tedesca

Ralf Brandstätter è il nuovo CEO del marchio Volkswagen come conseguenza alla sua promozione rispetto al precedente ruolo di direttore operativo del marchio.

ceo volkwagen
(Image by Motor1)

Ralf Brandstätter prende il posto di Herbert Diess, che attualmente è l’amministratore delegato sia del marchio VW che del Gruppo Volkwagen nel suo complesso. Il cambiamento entrerà in vigore il 1° luglio. Il consiglio di amministrazione della società posiziona questo cambiamento in modo da permettere a Diess di porre maggiore enfasi sulla gestione dell’azienda, piuttosto che dividere la sua attenzione tra due ruoli.

Ralf Brandstätter è uno dei manager più esperti dell’azienda. Negli ultimi due anni, ha già guidato con successo Volkswagen come COO e ha svolto un ruolo chiave nella trasformazione del marchio”, ha detto Diess a proposito della promozione di Brandstätter. “Sono quindi molto contento che Ralf Brandstätter porterà avanti lo sviluppo del marchio come CEO in seguito alle decisioni strategiche di ampia portata degli ultimi anni”.

Brandstätter lavora per VW dal 1993. Nel 1998 è diventato il responsabile dell’approvvigionamento di metallo per i componenti del telaio e nel 2005 ha assunto il ruolo di responsabile dell’approvvigionamento di SEAT. Dall’agosto 2018 è COO per il marchio VW.

Un precedente rapporto suggeriva che il consiglio di amministrazione di Volkswagen intendeva fare dell’amministratore delegato di Porsche Oliver Blume il nuovo capo del marchio VW. Il capo della Skoda, Bernhard Maier, avrebbe preso il timone della Porsche.

La scossa arriva nel momento in cui la Volkwagen ha avuto qualche problema in Europa. L’azienda ha dovuto interrompere le consegne della nuova Golf a causa di un problema con il software per la funzione di chiamata d’emergenza – una funzione obbligatoria in Europa. Il problema riguardava circa 15.000 vetture che la casa automobilistica aveva già consegnato ai clienti.

Ci sono anche voci di problemi con la suite di software nella prossima auto elettrica ID.3 dell’azienda. La natura esatta del problema non è chiara, ma gli elementi all’interno del sistema non sarebbero in grado di comunicare correttamente.

Si parla di oltre 10.000 tecnici che lavorano per risolvere il problema.