Leclerc e i suoi tanti lutti: “Questa è l’unica cosa che mi ha fatto bene”

Charles Leclerc ha raccontato delle tante persone che ha perso nella sua vita e di ciò che lo ha spinto sempre ad andare avanti.

Charles Leclerc (Getty Images)
Charles Leclerc (Getty Images)

Charles Leclerc sinora ha avuto tanto dalla vita nonostante la sua giovane età, ma allo stesso tempo è stato anche privato di tante cose. In questi ultimi anni, infatti, il monegasco ha perso in rapida successione prima il suo migliore amico Jules Bianchi, poi il padre e l’anno scorso l’amico Antoine Hubert.

In molti casi il pilota della Ferrari si è ritrovato a dover correre a breve distanza dopo aver perso una persona cara. Anche nel 2019 ad esempio, dopo la morte di Hubert a Spa Leclerc ha corso il giorno successivo riuscendo a cogliere la prima vittoria in carriera in F1, poi dedicata al driver scomparso.

Leclerc: “Le morti di papà e Jules mi hanno reso più forte mentalmente”

Durante la trasmissione Non Mollare Mai condotta da Alex Zanardi, Charles Leclerc ha così raccontato: “Quando guidi una macchina che ti permette di dimostrare quanto vali vuoi fare bene quindi la pressione c’era, ma per me è stato un grandissimo onore. Mentalmente la morte di papà e di Jules mi ha reso più forte e mi ha anche fatto capire che c’è altro nella vita oltre il motorsport”.

Il pilota monegasco ha poi proseguito: “Correre mi ha sempre fatto bene, sia quando ho perso papà, che quando ho perso Jules. Ogni volta che sono in una macchina sono contento, è la mia passione. Sono felice di guidare. L’unica cosa di diverso con Antoine è che ogni volta che passavamo sul luogo dell’incidente mentalmente era molto difficile”.

Antonio Russo

 

Visualizza questo post su Instagram

 

One month to go to the first race of the season. I cannot wait to be back in the car 🏎

Un post condiviso da Charles Leclerc (@charles_leclerc) in data:

F1 - Charles Leclerc (Getty Images)
F1 – Charles Leclerc (Getty Images)