A partire da lunedì 1° giugno 2020 sarà obbligatorio l’immatricolazione telematica Lo comunica il Ministero delle Infrastrutture.

Fiat Punto Abarth (foto Wheelsage)

Già dallo scorso 4 maggio sono entrate in vigore le nuove procedure telematiche per le operazioni di immatricolazione, di reimmatricolazione e di trasferimento della proprietà di un veicolo. Dal 1° giugno sarà obbligatorio, una pratica che servirà a snellire la ferragginosa macchina burocratiche delle pratiche auto. “Un grande plauso – afferma il Mit – va agli operatori professionali che, dopo due mesi di sospensione forzata dovuta allo stato di emergenza sanitaria, stanno con successo riavviando le loro attività”. Nel corso delle ultime due settimane lavorative, infatti, il numero di operazioni gestite con le nuove procedure sta crescendo ad una media di circa 1.000 pratiche al giorno, con punte fino a 1.500, ed è stata ormai superata la soglia delle 16.000.

Merito di tutti gli operatori del settore che hanno compreso in maniera positiva gli effetti di semplificazione perseguiti dalla riforma, ed in particolare i benefici del processo di dematerializzazione delle documentazioni. “Un lavoro sostenuto anche dalle Associazioni di categoria rappresentative delle imprese di consulenza automobilistica, con le quali le strutture tecniche del Mit intrattengono un costante ed utile confronto per realizzare al meglio la riforma, che costituisce un grande passo in avanti nel processo di ammodernamento dell’azione amministrativa di settore – conclude la nota – avviato vent’anni fa con l’introduzione dello sportello telematico dell’automobilista”.

Immatricolazione auto (foto dal web)