Alex Rins sottolinea il buon feeling con Joan Mir. Ma quando gli chiedono chi sia stato il miglior compagno di box non ha esitazioni: Andrea Iannone.

Alex Rins (Getty Images)
Alex Rins (Getty Images)

L’organo ufficiale MotoGP ha organizzato un colloquio tra due piloti che sono già storia per Suzuki: Kevin Schwantz, campione della classe 500cc nel 1993 e Alex Rins, vincitore di due gare nel 2019 e pilota di punta di un team che intende mettersi in prima fila nella corsa al titolo mondiale. Il texano ha dato persino consigli al pilota catalano per mantenere competitiva la moto. “Tutto ha a che fare con la comunicazione tra il capo meccanico di Alex e gli ingegneri giapponesi”.

L’ex campione ha piena fiducia sul livello di competitività di Rins e si dice certo che sia l’uomo giusto per riportare Suzuki sul tetto del mondo. “Sono già migliorati lo scorso anno e Alex lo ha mostrato con le sue vittorie. Ciò ha dato più fiducia al team e a tutti sulla moto. Alex ha l’opportunità di combattere in testa a ogni Gran Premio, è quello che serve per combattere per vincere il Mondiale. È una lunga stagione e tutto può succedere, con errori che possono essere commessi o meno”.

I compagni di box

Alex Rins ha elogiato il lavoro del compagno di box Joan Mir. “Per me, Joan è un buon pilota, deve imparare, è veloce, ma non ancora abbastanza. È ancora giovane. L’anno scorso ha fatto delle belle gare e nella preseason ha fatto dei bei tempi. Sembra che stia crescendo, vedremo dove può arrivare”. Ma quando gli è stato chiesto chi sia stato il miglior compagno di squadra.

Leggi anche —> KTM in pista al Red Bull Ring e prepara un altro test a Brno

Ma, quando richiesto dal suo miglior vicino di boxe, il catalano ne scelse un altro. “Il mio miglior partner è stato Andrea Iannone. È stato molto divertente, mi sono divertito moltissimo in questi due anni. Con Andrea, fuori pista, abbiamo parlato molto. Mi ha dato consigli, ma in pista eravamo come dei rivali, ha tagliato il gas se ero dietro. Questa è la cosa buona per me. Joan non mi chiede molto. Parliamo, ma non di motociclette, ma della vita in Andorra, di macchine o cose del genere, ma non di MotoGP”.

Rins (Getty Images)
Alex Rins (Getty Images)