Sebastian Vettel potrebbe parcheggiarsi nel 2021 in Aston Martin, squadra che avrà un legame stretto con la Mercedes, per puntare alla promozione a Brackley

Sebastian Vettel con la tuta della Mercedes (Fotomontaggio di TuttoMotoriWeb.com)
Sebastian Vettel con la tuta della Mercedes (Fotomontaggio di TuttoMotoriWeb.com)

Dalla Aston Martin alla Mercedes. Questo potrebbe essere il piano di Sebastian Vettel per assicurarsi un futuro di primo piano in Formula 1. Per la prossima stagione, infatti, l’approdo alle Frecce d’argento che il quattro volte iridato sogna fin da quando ha comunicato il divorzio dalla Ferrari sembra impossibile.

Lewis Hamilton prosegue dritto verso il rinnovo del suo contratto e il ruolo di seconda guida, se non sarà confermato Valtteri Bottas, andrà molto probabilmente al giovane George Russell. Ma il campione del mondo in carica ha già fatto capire che il suo ritiro dalla massima serie dell’automobilismo si avvicina inesorabile, e dunque ecco che un domani un sedile a Brackley potrebbe effettivamente liberarsi per Seb, pronto a ricostituire un sodalizio tutto tedesco e dare l’assalto al Mondiale.

Vettel in Aston Martin per avvicinarsi alla Mercedes

E nel frattempo? Vettel potrebbe parcheggiarsi alla Aston Martin. Ovvero, il team che rileverà la Racing Point dalla prossima stagione, grazie ai piani ambiziosi del proprietario Lawrence Stroll. Pur essendo un marchio britannico detenuto da un miliardario canadese, infatti, la Aston vanta strettissimi legami con la Mercedes.

Il gruppo di Stoccarda detiene il 5% del capitale azionario della società, fornirà i motori per la vettura di Formula 1 e (tramite la sua controllata Amg) per le auto stradali, e ha pure “prestato” un ex dirigente, Tobias Moers, per diventare il nuovo amministratore delegato. Quanto alla monoposto, già da quest’anno la Racing Point è stata ribattezzata “la Mercedes rosa” per la sua incredibile somiglianza alla macchina iridata in carica.

Perché si può fare davvero

Insomma, la Aston Martin ha tutte le carte in regola per diventare una sorta di seconda squadra, un team satellite degli anglo-tedeschi. E, visto che il sedile del figlio del capo, Lance Stroll, dovrebbe liberarsi già dal 2021 (il giovane ha lasciato intendere la sua volontà di abbandonare, non essendo riuscito a raggiungere i risultati che si aspettava), quale posto migliore per ripescare proprio Vettel?

In questo modo il teutonico si assicurerebbe una posizione in griglia di partenza nella stagione che verrà e farebbe un primo passo verso la Mercedes. Pronto poi alla promozione in prima squadra, se dovesse mettere in mostra un rendimento meritevole con il marchio che fu di James Bond.

A spingere in tal senso dovrebbe essere anche Liberty Media, l’organizzazione della Formula 1, che ha tutto l’interesse a mantenere nel paddock un pilota tedesco. E a presentare al via tutti i campioni del mondo ancora in attività nel 2021, visto il probabile ritorno alle corse di Fernando Alonso con la Renault. Se tutte le tessere del mosaico andranno al loro posto…

Leggi anche —> Un altro team chiude le porte a Vettel: “Non possiamo permettercelo”

I piloti della Ferrari, Sebastian Vettel e Charles Leclerc, e della Mercedes, Lewis Hamilton e Valtteri Bottas (Foto Andrej Isakovic/Afp/Getty Images)
I piloti della Ferrari, Sebastian Vettel e Charles Leclerc, e della Mercedes, Lewis Hamilton e Valtteri Bottas (Foto Andrej Isakovic/Afp/Getty Images)