MotoGP, KTM apre uno spiraglio ad Andrea Dovizioso

Herve Poncharal lascia uno spiraglio aperto ad Andrea Dovizioso in KTM. Se la trattativa con Ducati saltasse, la casa austriaca potrebbe farci un pensierino.

Andrea Dovizioso Ducati MotoGP
Andrea Dovizioso (Getty Images)

Hervé Poncharal, il capo di Tech3 e il presidente dell’l’IRTA, lascia una porta aperta ad Andrea Dovizioso in KTM, pur sottolineando come l’operazione di mercato sia difficile. Con Jack Miller che si è guadagnato una posizione nel team ufficiale Ducati, uno fra il forlivese e Danilo Petrucci è di troppo. La razionalità vuole che il vicecampione resti in Ducati, ma la trattativa potrebbe arenarsi.

Il manager francese tiene d’occhio questa situazione, tanto più dal momento che ha già lavorato al fianco di Andrea. Potrebbe essere un clamoroso colpo di scena sul mercato piloti della classe regina. “Dovi è uno dei migliori con cui ho lavorato – ha detto in un’intervista al podcast MotoGP Round Table -, sotto tutti gli aspetti, umanamente e tecnicamente. È uno dei più intelligenti nella gestione delle gare, è tre volte vice campione del mondo: ho un grande rispetto per lui. Ma penso che la strategia di KTM sia quella di rinnovare il contratto per i quattro piloti attuali. Solo se ci fosse un problema con uno dei quattro, ci sarebbe spazio per Andrea”.

Leggi anche -> Pol Espargarò in supermotard: “Sensazioni brutali dopo tre mesi”

Molto potrebbero contare i risultati nelle prime gare o la possibilità che Pol Espargarò passi in Honda come si vocifera da tempo. Viceversa, nessuna porta aperta per Andrea Dovizioso. “Il progetto KTM è ancora molto giovane. Fino al 2018, c’erano solo due moto e due piloti, con pochi dati disponibili. Ora, con altri quattro piloti e Dani Pedrosa, la moto può essere sviluppata meglio, resa “più facile” e più gestibile. A volte abbiamo avuto grandi momenti durante le qualifiche con il Pol Espargaró – ha aggiunto Poncharal -, ma in gara è stato sempre difficile riprodurre certe prestazioni. Ecco perché abbiamo bisogno di una moto “più semplice” nelle corse, tutto è stato sviluppato per questo obiettivo”.

Andrea Dovizioso (Getty Images)
Andrea Dovizioso (Getty Images)