KTM in pista per due giorni di test al Red Bull Ring. Al lavoro Pol Espargarò e il collaudatore Daniel Pedrosa.

Dani Pedrosa
Dani Pedrosa (getty images)

Il team Red Bull KTM Factory sarà il primo team ad uscire dal lockdown e testerà domani con Pol Espargaró e Dani Pedrosa sul circuito dello Spielberg. La casa austriaca e Aprilia possono proseguire lo sviluppo dei motori fino al 30 giugno e KTM ne approfitterà per apportare le ultime modifiche. Occhi puntati anche sul telaio, da qui la presenza di Pedrosa, che tanto ha contribuito all’evoluzione della filosofia di Mattighofen.

Nonostante i passi avanti compiuti nei test invernali, è ancora necessario intervenire nello sviluppo della KTM RC16. “Possiamo fare un po ‘meglio in ogni area”, afferma Mike Leitner, direttore di gara della MotoGP, a Speedweek.com. Per questo motivo non hanno perso tempo a pianificare un test nei propri confini nazionali, rispettando le normative in materia di anticontagio da Coronavirus.

Due giorni in Stiria per KTM

Pol e Dani gireranno il 27 e 28 maggio in Stiria, una due giorni organizzata nel più stretto riserbo e resa nota solo nelle ultime ore. KTM può anche schierare i piloti factory senza limitazioni nel corso dei test privati. Brad Binder non potrà partecipare al test. Ha tentato senza successo per due settimane di volare dal Sudafrica all’Europa, ma le restrizioni in materia di viaggi non consentono ancora il trasferimento.

KTM sarà il primo team di corse della MotoGP ad andare in pista dopo il test del Qatar. I team vincitori non sono autorizzati a farlo con i piloti regolari, ma solo con il team di test. Ecco perché, ad esempio, Stefan Bradl proverà a Misano ad agosto. Ma questo è possibile solo perché la Honda ha registrato Jerez, Misano e Motegi come piste di prova ufficiali.

Dani Pedrosa
Dani Pedrosa (getty images)