Angel Charte: “Nel paddock ci saranno molte restrizioni”

Il medico della MotoGP Angel Charte svela qualche retroscena sui protocolli che team e piloti dovranno rispettare nel corso della stagione 2020 di MotoGP.

MotoGP - GP Jerez (Getty Images)
MotoGP – GP Jerez (Getty Images)

Angel Charte, medico della MotoGP, svela alcune anticipazioni sul paddock della stagione 2020. Sarà tutto diverso dal normale a causa dell’emergenza Covid, tutti dovranno attenersi a dei protocolli, a cominciare dal numero di persone ridotto al servizio di ogni team.

A meno di due mesi dal 19 luglio, data stabilita da Dorna come punto di partenza della Motomondiale a Jerez, si attende il via libera da parte del governo spagnolo, che pare sia solo questione di formalità. Perché il campionato prenderà sicuramente il via come tutti gli altri sport. Ma tanti saranno gli accorgimenti che si dovranno prendere e non sarà certo una passeggiata per nessuno.

“Il protocollo è ancora in fase di definizione tra Dorna, la FIM, i produttori e i circuiti ha spiegato Angel Charte a Motorsport.com -. Crediamo che sarà molto severo perché in una situazione come questa non possiamo correre il minimo rischio. Abbiamo stabilito regole che devono essere rigorosamente rispettate da tutti coloro che viaggiano. Chiunque li salti sarà severamente penalizzato”.

Leggi anche -> Pol Espargarò in supermotard: “Sensazioni brutali dopo tre mesi”

Aria da quarantena nel paddock

Dopo una lunga quarantena gli addetti ai lavori sono attesi da mesi di rigide restrizioni. “Per me ha un sapore cattivo perché molti di loro escono da un confino, ma l’ambiente che si troverà nel paddock, specialmente nei primi eventi, potrebbe essere ancora più restrittivo”. Saranno al massimo 1200 i dipendenti del paddock, dovranno effettuare un test quattro giorni prima del viaggio e sottostare ad altri esami sierologici nel corso dei week-end. “Tutto sarà molto settorizzato, quindi per noi deve essere molto facile seguire la pista in caso si riscontri un positivo. I movimenti delle persone saranno molto più limitati del solito. Inoltre, esiste anche un protocollo specifico per i medici”, ha aggiunto Angel Charte, il cui gruppo si coordinerà con il dipartimento medico di ogni struttura.

“Avremo un’area di esplorazione Covid-19, in cui analizzeremo i casi che ci sembrano sospetti. Quando c’è un positivo, lo isoleremo e prenderemo le misure appropriate “, continua il dottore, che ha combattuto la malattia per mesi: “Ora lo conosciamo molto bene perché ha anche sintomi molto chiari”.

MotoGP start (Getty Images)