L’avvertimento a Carlos Sainz: “Occhio, in Ferrari rischi di finire crocifisso”

Mika Hakkinen avverte Carlos Sainz: in Ferrari ha una grande opportunità, ma anche un grande rischio, quello di soccombere sotto il peso della pressione

Carlos Sainz (Foto Charles Coates/Getty Images)
Carlos Sainz (Foto Charles Coates/Getty Images)

Il passaggio alla Ferrari è un grande onore, ma anche un grande onere. La realizzazione di un sogno, ma anche un’enorme responsabilità. Per questo motivo, l’approdo a Maranello rappresenta allo stesso tempo la più grande opportunità della carriera di Carlos Sainz, ma anche il rischio di bruciarsi.

A mettere il guardia il figlio d’arte spagnolo su ciò che lo attende il prossimo anno al Cavallino rampante è stato Mika Hakkinen in persona: uno che conosce bene l’attuale team di Sainz, la McLaren, avendoci vinto ben due titoli mondiali, ma anche la Ferrari di cui è stato grande rivale nell’epoca di Michael Schumacher.

Sainz deve prepararsi alla pressione

“Carlos è un ragazzo per bene, ma la Ferrari non è la McLaren”, ha sottolineato il finlandese al podcast Inside Formula One, sul sito di Unibet. “In McLaren l’ambiente è amichevole, è un team dall’atmosfera familiare, dove è facile trovarsi a proprio agio. In Ferrari non è così: dovrà essere capace di mostrare subito tutto il suo talento e il suo potenziale, altrimenti sarà terribile per lui. Sarebbe difficile per chiunque. Dovrà essere super-professionale sotto ogni aspetto, nessuno farà un passettino in più verso di lui se non si dimostrerà capace. In Ferrari non si va per imparare, ma per andare al massimo”.

L’altro aspetto potenzialmente distruttivo a cui Sainz dovrà prepararsi è la gestione della pressione della stampa, che nutre sempre molte aspettative rispetto alla Rossa: “Quando sei un pilota Ferrari i media ti possono portare dalle stelle alle stalle nel giro di un giorno”, ha proseguito Hakkinen. “Gestire la comunicazione è facile soltanto quando vinci. Se vinci è tutto perfetto e semplice. Se invece devi dare delle spiegazioni è bene che essere pronti a darle senza particolari esitazioni, perché altrimenti, da pilota Ferrari, vieni crocifisso, e questo è normale”.

Mika Hakkinen (Foto Charles Coates/Getty Images)
Mika Hakkinen (Foto Charles Coates/Getty Images)