MotoGP, Crivillé: “Per Rossi sarà difficile vincere gare”

Alex Crivillé, ex campione della classe 500, ha commentato la situazione di Valentino Rossi in MotoGP, ma ha anche parlato di Marc Marquez e Ducati.

Valentino Rossi in conferenza
Valentino Rossi in conferenza (Getty Images)

C’è grande attesa di vedere se Valentino Rossi continuerà a correre in MotoGP oppure se opterà per il ritiro. Nei suoi piani c’era l’intenzione di fare alcune gare prima di decidere, ma il coronavirus ha stravolto tutto.

L’unica possibilità che ha per proseguire nella top class è il team Petronas Yamaha SRT, disposto ad accoglierlo e che attende di conoscere le sue intenzioni. Entro agosto vuole definire la propria line-up per il 2021 e ha già fatto sapere che non stravolgerà la squadra in caso di suo arrivo.

MotoGP: Crivillé parla di Marquez, Rossi e Ducati

Alex Crivillé a DAZN ha parlato della situazione che ci sarà in MotoGP alla partenza del campionato: «Marquez resta il riferimento, andrà alla caccia della nona corona. Su Rossi non dico che non vincerà gare, ma sarà difficile. Sa che se non sarà competitivo appenderà la tuta. Ci saranno circuiti nei quali sarà lì, ma bisognerà vedere se potrà combattere ed essere regolare. Sarà complicato».

L’ex campione della classe 500 si è espresso anche sulla situazione Ducati, team che dovrà scegliere i piloti del prossimo biennio: «È ovvio che la Ducati deve avere almeno due piloti di livello superiore. Ora il riferimento è Dovizioso anche se penso che manchi un pilota della statura di Marc, Fabio o Maverick. Sotto questo aspetto, penso che non possano addormentarsi».

Il campionato MotoGP avrà meno gare rispetto al calendario originario, ma secondo Crivillé l’approccio dei piloti non cambierà granché: «La strategia è la stessa di sempre, dare tutto. Non cambierà molto se alla fine avremo 16 gare. Bisogna dare il 100% come se nulla fosse successo. È un mix tra l’aspetto fisico e quello mentale. Ci piloti a cui serve lavorare psicologicamente, mentre altri non ne hanno bisogno perché hanno tutto chiaro. Quando tutto è al suo posto, è sicuro che andrà bene».

Valentino Rossi
Valentino Rossi (Getty Images)