Ora lo afferma esplicitamente anche il diretto interessato, Jack Miller: “Sono la scelta migliore per la Ducati ufficiale”. Manca solo l’annuncio

Jack Miller (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)
Jack Miller (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)

“Cercherò di ottenere un posto nel team ufficiale. Credo di essere la scelta migliore”. Dopo le indiscrezioni incontrollate di mercato piloti circolate nei giorni scorsi e le mezze ammissioni di chi del mondo Ducati fa parte integrante (il team principal della squadra satellite Pramac), ora a sbilanciarsi è addirittura il diretto interessato: Jack Miller in persona.

Per la prima volta il pilota australiano dichiara esplicitamente la sua candidatura alla promozione alla Rossa, per giunta affermando senza mezzi termini di essere in pole position rispetto a tutti gli altri potenziali piloti. Non possono essere parole a caso, non a questo punto delle trattative: semmai, vanno lette come il segno che Jackass si senta ormai convinto della sua prossima mossa, già con un piede a Borgo Panigale.

Leggi anche —> MotoGP, Miller verso il team ufficiale Ducati: Guidotti conferma

Miller sarà il nuovo pilota ufficiale Ducati

I dubbi sul fatto che sarà lui uno dei due piloti titolari della Ducati nella prossima stagione, insomma, sono sempre minori. Resta da definire chi sarà il suo compagno di squadra: la prima scelta è sempre Andrea Dovizioso, se si troverà un accordo sul suo compenso economico, altrimenti in alternativa potrebbe essere riconfermato Danilo Petrucci. Oppure chissà…

Leggi anche —> Chi affiancherà Miller in Ducati: Dovizioso, Petrucci o… Iannone?

Miller, dal canto suo, scalpita per questo nuovo importante passo in avanti della sua carriera, già lunga a dispetto dell’ancor giovane età. Un passo significativo anche dal punto di vista simbolico, visto che riporterà la bandiera australiana in Ducati dopo i gloriosi trascorsi di Casey Stoner e Troy Bayliss.

La convinzione dell’australiano

Jack fin d’ora dichiara amore nei confronti della Casa bolognese e grande sicurezza nelle potenzialità tecniche della Desmosedici: “Siamo andati fortissimo nei test in Qatar e in Malesia, avevamo un pacchetto complessivo molto competitivo, che ci darà più possibilità di avvicinarci al vertice”, ha spiegato ai microfoni del sito ufficiale della MotoGP.

Lui ha continuato ad allenarsi in moto, approfittando delle restrizioni minori nella sua Australia, anche durante la quarantena, e dunque ora si considera più in forma che mai per la ripresa delle ostilità: “Mi sento libero e rilassato, ho tempo di dedicarmi a molte attività. Certo, non vedo l’ora anche che ritorni tutto alla normalità”.

Jack Miller sulla Ducati satellite del team Pramac (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)
Jack Miller sulla Ducati satellite del team Pramac (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)