Brabham Automotive ha finalmente rilasciato la sua belva da 700 cavalli in edizione limitata che scorrazzerà tra le piste a breve: benvenuta BT62.

Brabham Automotive
Brabham Automotive ha consegnato la prima versione da competizione della sua auto da pista BT62 ad un team di clienti nel Regno Unito, avendo subito un impatto minimo durante il blocco del coronavirus.

La vettura gareggerà quest’anno nel Britcar Endurance Championship insieme a Horsepower Racing con Ross Wylie e il proprietario del team Paul Bailey che si occuperà dei compiti di guida.

Soprannominata “l’ipercar più focalizzata sulla pista del mondo“, solo 70 BT62 sono destinate a essere costruite, tra cui la versione originale della vettura da pista, la versione da competizione e una variante stradale disponibile.

La BT62 Competition di Horsepower Racing è la prima ad entrare nelle mani dei clienti, con altre auto destinate a seguire per le serie in Europa, Australia e Nuova Zelanda, una volta che le restrizioni saranno state allentate e le consegne saranno più facili da effettuare.

“La crescita di Brabham Automotive negli ultimi due anni è una testimonianza della pianificazione iniziale che abbiamo messo in atto a livello operativo e della profondità delle infrastrutture che possiamo richiedere al più ampio gruppo Fusion Capital”, ha dichiarato Dan Marks, CEO di Brabham Automotive. “Questo ci garantisce la possibilità di scalare Brabham per soddisfare la domanda e, man mano che le future varianti di veicoli saranno disponibili online”.

Il team di Brabham Automotive è altamente qualificato e ha dimostrato una grande resilienza in quello che è stato un periodo difficile per tutti in tutto il mondo. Siamo estremamente orgogliosi di ciò che è stato realizzato”.

Come la versione da pista della vettura, la BT62 Competition è costruita attorno a una cella di sicurezza in carbonio-cromolica conforme alla FIA con una roll-bar integrata, ma grazie alla mancanza di finiture e ad altre misure di risparmio di peso, pesa meno. Le regolazioni aerodinamiche forniscono un impressionante carico aerodinamico di 1.200 kg di deportanza, mentre i freni in carbonio, l’ABS motorsport e il controllo di trazione aiutano l’auto in pista.

La potenza deriva dallo stesso motore V8 da 5,4 litri aspirato naturalmente, utilizzato per tutta la gamma BT62, che eroga 700 CV. Il propulsore è accoppiato a un cambio sequenziale a 6 marce.

Volete un BT62 da competizione? Vi costerà “solamente” 750.000 sterline (circa 750.000 euro, più le tasse. Un affare… se si considera che il modello track-day costa un bel milione tondo.