Sylvain Guintoli dovrà rinunciare ad ogni speranza di wild card con la Suzuki nella stagione 2020. Ma lancia una simpatica sfida ad Alex Rins e Joan Mir.

Sylvain Guintoli
Sylvain Guintoli (getty images)

Il collaudatore della Suzuki Sylvain Guintoli dovrà fare a meno delle wild card in questa stagione contrassegnata dall’emergenza Covid – 19. Alla pari degli altri tester sarà un anno dietro le quinte per il francese, che testerà i privato la GSX-RR e spianare il lavoro di Alex Rins e Joan Mir. In questo periodo di quarantena forzata Guintoli ne approfitta per passare più tempo con la sua famiglia.

Sveglia di buon mattino tra le 7 e le 8, colazione e poi dedica il tempo ai suoi figli. “Giochiamo a carte o a Fortnite con mio figlio sulla PlayStation”, afferma Guintoli, che vorrebbe provare presto anche il nuovo videogame MotoGP. Il desiderio è tornare quanto prima in sella alla Suzuki GSX-RR sui circuiti più prestigiosi al mondo, ma per il momento non è possibile. Si mantiene in forma andando in bicicletta per farsi trovare pronto quando sarà il momento di ritornare in azione per la casa di Hamamatsu.

Leggi anche -> La scelta drastica di Razali: “Stipendi ridotti fino al 50%”

Non ha esercizi preferiti, tuttavia, Guintoli vorrebbe sfidare Mir e Rins in un duello a suon di flessioni. “Non ho ancora provato quante ne potrei fare. Ma potremmo misurarci l’uno con l’altro”, ha detto il 37enne. Ha anche trovato un altro hobby durante la pausa forzata: poche settimane fa ha lanciato un canale YouTube. Lì offre ai motociclisti suggerimenti utili per trovare il giusto assetto. Sto ancora imparando, ma è molto divertente – ha detto a Speedweek.com -. Mi piace mantenere questo canale, sebbene richieda anche molto lavoro”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

🚨NEW YOUTUBE 🎥 HOVERBOARD RACE vs THE KIDS 😜 LINK IN BIO @bluefinhoverboards

Un post condiviso da Sylvain Guintoli 🇫🇷 (@sylvainguintoli) in data: