Carmelo Ezpeleta: “Nessuna gara in Asia a porte chiuse”

Il boss della Dorna ribadisce che non ci saranno gare fuori dall’Europa con autodromi a porte chiuse.

Carmelo Ezpeleta (Getty Images)
Carmelo Ezpeleta (Getty Images)

Carmelo Ezpeleta dà una sentenza quasi definitiva sul calendario MotoGP 2020: senza spettatori non si terrà nessun Gran Premio in Asia. Tutte le gare potrebbero tenersi solo in Europa a porte chiuse, con alcuni circuiti che ospitano due gare in due fine settimana consecutivi. Per ragioni di costo, gli eventi asiatici pianificati come Buriram (Thailandia), Motegi (Giappone) e Sepang (Malesia) andranno avanti solo se le restrizioni del Coronavirus si saranno allentate abbastanza da consentire la presenza degli spettatori.

In un’intervista a Fox Sports Asia Carmelo Ezpeleta ha riconfermato il probabile inizio di campionato a Jerez per metà luglio. “”La nostra idea è di fare un ciclo di 12-13 Gran Premi in Europa tra luglio e l’inizio di novembre. Se sono possibili Gran Premi fuori dall’Europa, ci sposteremo in Asia e in America tra novembre e metà dicembre. Forse dall’inizio di settembre saremo in grado di annunciare finalmente se un Gran Premio non europeo accadrà o meno”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Malesia e Thailandia decideranno entro settembre

Carmelo Ezpeleta ha spiegato come i costi sia insostenibili per un evento extraeuropeo a porte chiuse: “Le gare in Europa saranno possibili senza spettatori, ma andare in Asia senza spettatori è molto difficile a causa dei costi. Quindi andremo in Asia se sarà possibile organizzare gare con gli spettatori presenti e stiamo parlando con i diversi promotori per sapere se questo è possibile o no”.

Buriram ha ospitato la più grande folla del weekend di gara della scorsa stagione con 226.655 fan durante il fine settimana, mentre Sepang ha raccolto 100.000 fan nella domenica di gara. Sebbene entrambi i paesi siano stati colpiti marginalmente dal Coronavirus, essi hanno subito epidemie significative a causa di grandi raduni pubblici, che adesso rimangono vietati.

Poiché la vendita dei biglietti (insieme alle commissioni pagate per merce, stand di cibo e bevande) è la principale fonte di reddito per un circuito quando ospita un evento MotoGP, Dorna probabilmente dovrà almeno coprire i costi operativi di una pista in caso di gara a porte chiuse. Ma nel caso di eventi all’estero ci sarebbe il costo aggiuntivo del trasporto del materiale.

Ezpeleta e Marquez (Getty Images)
Carmelo Ezpeleta e Marc Marquez (Getty Images)