La benedizione di Carmelo Ezpeleta sul futuro di Valentino Rossi

Anche il patron del Motomondiale in persona, Carmelo Ezpeleta, fa il tifo perché Valentino Rossi si accasi effettivamente in Petronas nel 2021

Valentino Rossi con Carmelo Ezpeleta (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)
Valentino Rossi con Carmelo Ezpeleta (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)

L’ipotesi di un passaggio di Valentino Rossi alla Petronas, ormai sempre più vicina a concretizzarsi, riceve il semaforo verde anche del patron del Motomondiale in persona, l’amministratore delegato della Dorna, Carmelo Ezpeleta. “Sarebbe fenomenale”, ha commentato questo scenario ai microfoni di Radio Marca. “Se a lui piace e piace anche a Petronas, noi come sempre siamo felici”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Il Dottore, infatti, pur non essendo più nella fase di picco della sua carriera dal punto di vista dei risultati, rimane una poderosa macchina da soldi per tutto il movimento delle due ruote, nonché una calamita formidabile per i tifosi di tutto il mondo. Per questo motivo, ma non solo, a Ezpeleta farebbe molto comodo che il fenomeno di Tavullia decidesse di proseguire la sua carriera agonistica.

Ezpeleta trattiene Valentino Rossi in MotoGP

“Valentino è molto importante di per sé, al di là di qualsiasi considerazione economica, che non facciamo mai”, prosegue. “È importante che stia bene e si senta di correre: finché lo farà, sarà fantastico. Con Valentino parlo di tante cose, mai del suo ritiro. Quando avrà da dirmi qualcosa, me lo dirà. È una persona che è stata molto importante per molti anni e lo è ancora. Dipende da lui, non da noi. Non faremo nulla per spingerlo verso qualcosa che a lui non piaccia”.

Ezpeleta ha concluso aggiornando i piani per la ripartenza della MotoGP dopo la quarantena per il coronavirus. “Abbiamo dei protocolli da sottoporre ai vari Paesi in cui pensiamo di correre”, ha spiegato, “e a inizio giugno potremmo annunciare il calendario, che partirà il 19 luglio da Jerez. Su molti circuiti, in particolare quelli spagnoli, si terranno due GP. Adesso siamo molto più preparati rispetto a quando fu cancellato il Gran Premio d’Australia di Formula 1, e lo è anche il resto del mondo. Quello che non diciamo è il GP non si fermerà solo perché ci sarà un contagio nel paddock: dipenderà dalle dimensioni del problema”.

Valentino Rossi con Carmelo Ezpeleta (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)
Valentino Rossi con Carmelo Ezpeleta (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)