Lorenzo: “Via dalla Yamaha? Davano le cose migliori a Valentino Rossi”

Jorge Lorenzo ha spiegato i motivi che alla fine del 2016 lo spinsero a salutare la Yamaha per trasferirsi in Ducati, lontano da Valentino Rossi.

Valentino Rossi e Jorge Lorenzo (Getty Images)
Valentino Rossi e Jorge Lorenzo (Getty Images)

Jorge Lorenzo ha vissuto la parte più importante della propria carriera con la Yamaha. Lo spagnolo nel team giapponese ha vinto tre titoli iridati e conquistato diversi podi e vittorie. Alla fine del 2016 però l’iberico ha deciso un po’ a sorpresa di cambiare aria.

Lo spagnolo, infatti, nel 2017 passò alla Ducati per cercare nuovi stimoli. Purtroppo per lui però un difficile adattamento iniziale portò al divorzio dalla casa di Borgo Panigale dopo appena due stagioni.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Lorenzo: “In Thailandia nel 2018 il motore era mezzo bloccato”

Durante un’intervista a DAZN, Jorge Lorenzo ha raccontato i motivi che lo spinsero a salutare il team di Iwata: “Dopo il 2016 Valentino era lì e i media erano molto forti. Sapevo che in Yamaha avrebbe sempre avuto il materiale migliore. Non ho mai fatto una lamentela. Il potere mediatico dopo il 2015 era evidente, ma non era la cosa più importante. La cosa principale è che volevo una nuova sfida. Se tornassi indietro rifarei la stessa scelta, certo probabilmente oggi avrei qualche ossa rotta in meno e numeri migliori, ma non mi importa”.

Il rider spagnolo ha poi proseguito: “Mi piace il mio lavoro, è come una droga, soprattutto se vinci le gare perché ti senti il re del mondo. Se avessi proseguito con Ducati o Yamaha probabilmente non mi sarei ritirato, ma sono arrivati gli infortuni quindi chissà. In Thailandia nel 2018 il problema è stato il motore mezzo bloccato. Con Marc il rapporto è stato buono nell’anno di convivenza, soprattutto alla fine. Lui era ad un altro livello, stava lottando per il Mondiale e io no, questo ha reso tutto più semplice”.

Antonio Russo

Rossi e Lorenzo (Getty Images)
Rossi e Lorenzo (Getty Images)