Sebastian Vettel ha formalmente rifiutato le offerte di McLaren e Renault. Vuole solamente un sedile alla Mercedes, altrimenti si ritirerà dalla Formula 1

Sebastian Vettel con la tuta della Mercedes (Fotomontaggio di TuttoMotoriWeb.com)
Sebastian Vettel con la tuta della Mercedes (Fotomontaggio di TuttoMotoriWeb.com)

Rimasto congelato per molti mesi, ora il mercato piloti della Formula 1 si muove più rapidamente che mai. L’annuncio dell’addio di Sebastian Vettel alla Ferrari ha sbloccato le trattative anche ai piani alti della griglia di partenza: per oggi sono in arrivo le conferme della firma di Carlos Sainz con la Rossa e di Daniel Ricciardo con la McLaren.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

In questo grande gioco delle sedie musicali, uno di quelli che è rimasto al momento ancora in piedi, in cerca di un posto, è proprio il quattro volte campione del mondo. Le offerte sul tavolo, a dire il vero, non gli mancavano: nelle ultime settimane è stato corteggiato sia dalla McLaren che dalla Renault, ma ha cortesemente rinunciato ad entrambe le proposte.

No alle squadre di centro gruppo: meglio il ritiro

“Il tedesco non vuole imbarcarsi in un lavoro di sviluppo di una vettura nell’autunno della sua carriera”, si legge nel retroscena riferito dal sito specializzato F1 Insider. “Questo significherebbe dover aspettare altri tre anni per avere una macchina vincente”. Insomma, a 32 anni ormai suonati, Vettel è disposto ad accettare solamente un sedile in un team che gli permetta di lottare per il titolo mondiale. Altrimenti sarebbe anche ben disposto a ritirarsi anzitempo dalla Formula 1.

Ma, dopo l’addio alla Ferrari e il rifiuto da parte della Red Bull a prendere in considerazione un eventuale ritorno, di squadre che rispettino l’identikit vincente tracciato da Sebastian ne rimane solo una: la Mercedes. Questa è l’opzione sulla quale il teutonico si sta giocando tutto il futuro della propria carriera.

Leggi anche —> E adesso che fine farà Sebastian Vettel? Tutti gli scenari per il suo futuro

Vettel vuole la Mercedes o niente

Per quanto pazzesca possa sembrare a prima vista, l’ipotesi di un approdo dell’ex ferrarista alla Freccia d’argento non è però affatto da scartare. Il team principal Toto Wolff ha gettato benzina sul fuoco delle indiscrezioni ammettendo che Brackley “terrà in considerazione Vettel” nelle sue trattative per la coppia di piloti 2021. E il quotidiano inglese Daily Mail ha rivelato che Seb sarebbe “proprio al centro del radar della Mercedes”.

Leggi anche —> Dream team in Mercedes? Wolff: “Non possiamo ignorare Vettel”

La Stella a tre punte ha infatti entrambi i suoi attuali portacolori in scadenza a fine 2020, e mentre i negoziati per il rinnovo di Lewis Hamilton proseguono ormai da tempo e dovrebbero approdare ad una firma molto presto, più in bilico appare la posizione del suo compagno di squadra Valtteri Bottas, che nelle ultime stagioni non è mai riuscito ad guadagnarsi contratti dalla durata più lunga di un anno.

L’occasione del riscatto

Vettel, dunque, potrebbe davvero prendere il suo posto e costituire un dream team con il suo ex rivale Hamilton dal 2021, riportando così anche un corridore di passaporto tedesco alla Casa di Stoccarda. Si tratta solo di convincere Wolff, che del resto non ha mai nascosto la sua stima verso Sebastian, ma a sua volta non ha ancora confermato la sua permanenza in squadra anche nella prossima annata.

Inutile dire che per il quattro volte campione del mondo l’idea di lasciare la Ferrari per passare alla nemica storica Mercedes è quantomai ghiotta: se gli sviluppi si rivelassero positivi per lui, potrebbe rappresentare la chance di ribadire il suo valore, e di dimostrare che se negli ultimi cinque anni non è riuscito a portare il titolo iridato a Maranello, non è stato (solo) per colpa sua.

Sebastian Vettel e Lewis Hamilton (Foto Charles Coates/Getty Images)
Sebastian Vettel e Lewis Hamilton (Foto Charles Coates/Getty Images)