MotoGP, Brivio: “Suzuki vuole sorprendere. Rins e Mir da top 5”

Nel team Suzuki MotoGP non ci sono una prima e una seconda guida. Davide Brivio spiega che Alex Rins e Joan Mir sono due numeri 1 per la squadra giapponese.

Davide Brivio MotoGP Suzuki
Davide Brivio (©Getty Images)

La squadra Suzuki MotoGP tramite il proprio sito ufficiale ha divulgato un lungo comunicato del team manager Davide Brivio. Queste le sue parole:

«Stiamo lavorando dietro le quinte insieme ai team Dorna, IRTA e MotoGP, analizzando cosa stanno facendo altri sport e anche cosa sta succedendo in altri paesi. Ad esempio, sembra che in Germania riprenderanno il calcio la prossima settimana e alcuni paesi come la Spagna e l’Italia stanno pensando a come procedere anche con le loro competizioni sportive. Questo è importante perché potrebbe mostrarci il percorso corretto da seguire. Ma essere in grado di iniziare il campionato MotoGP dipenderà dalle decisioni e dalle regole dei vari governi.

Sono abbastanza fiducioso che potremo trovare una soluzione nelle prossime settimane. Stiamo tutti cercando di capire come ottenere il massimo dalle circostanze difficili. Il campionato potrebbe essere limitato a pochi paesi come la Spagna, l’Italia o l’Austria. Ma le autorità locali dovranno darci il via libera prima di poter confermare qualcosa.

Con le altre fabbriche abbiamo alcuni meeting, è stato molto interessante e produttivo lavorare per il futuro. C’è stata molta collaborazione per trovare una soluzione per il bene del campionato.

Abbiamo concordato alcune misure per mantenere il campionato “sano” ed equilibrato, come il congelamento dello sviluppo dei motori. Penso che questa sia stata la decisione giusta perché la situazione era un po’ sbilanciata tra le aziende giapponesi e quelle europee. Questo non sarebbe stato giusto, quindi tutti abbiamo concordato di bloccare lo sviluppo. È anche una buona opportunità per risparmiare sui costi perché è un problema per tutti. Il budget sarà più basso in questa stagione e nella prossima, quindi al fine di risparmiare sui costi abbiamo esaminato diverse proposte. Dobbiamo anche mantenere un elevato standard di sicurezza nel paddock: meno persone che lavorano nei circuiti, meno tempo lontano da casa, mantenendo tutto il più sano e sicuro possibile con più misure per proteggere il paddock.

Sappiamo che per ogni produttore questi tempi sono molto complicati perché è quasi impossibile vendere prodotti e il risparmio sui costi è cruciale. Per questo motivo noi di Suzuki stiamo lavorando duramente per continuare allo stesso modo, anche con i piloti. Ecco perché è una grande notizia che abbiamo rinnovato entrambi i piloti anche durante questa delicata situazione. Ottenere l’approvazione da parte della direzione per estendere i contratti di altri due anni con i nostri piloti è qualcosa che abbiamo preso come un ottimo segno per il futuro. Dimostra che la casa è impegnata a mantenere la normale attività e questo ci dà molta speranza.

Dorna sta inoltre lavorando su un protocollo medico che sarà seguito da tutti i lavoratori della MotoGP. Dovremo seguire questo protocollo e adattare di conseguenza i nostri lavori. Ad esempio, una volta che la squadra arriva al circuito, dovrebbe comportarsi come una famiglia. Naturalmente è impossibile avere zero rischi, ma il punto con questo protocollo è cercare di evitare rischi extra e non essere in contatto con altre persone nel paddock.

La cosa più strana non sarà vedere le persone sui circuiti, nessun pubblico nelle tribune, con un’atmosfera rara. Conosciamo e accettiamo questa situazione, in questo momento il punto è ripartire e trarne il meglio.

Ovviamente, il campionato sarà molto più corto del solito a causa di queste circostanze, ma non credo che una stagione più o meno lunga cambierà molto la situazione. Sarà fondamentale non commettere molti errori. Nel complesso penso che sarà abbastanza simile a un intero campionato in termini di competitività. Spero che Suzuki possa essere una sorpresa per tutti. Vediamo la situazione alla ripartenza. Dobbiamo essere concentrati e in buona forma per affrontare un breve campionato. Alla fine credo che ci saranno i migliori 5/6 piloti in lotta per la vittoria, anche se il calendario sarà breve.

Il nostro obiettivo ora è quello di avere entrambi i nostri piloti nella Top 5. Alex ha detto molte volte che era desideroso di continuare con Suzuki e di avere una lunga carriera con noi. E Joan è molto contento di rimanere anche con Suzuki, quindi siamo davvero felici di avere questi due grandi e talentuosi piloti che avanzano con la nostra filosofia. Siamo ansiosi di iniziare un’era in cui possiamo lottare per obiettivi importanti, sapendo che possiamo essere competitivi. Non vedo perché non possiamo combattere con i pochi migliori piloti.

Joan e Alex possono combattere insieme in pista e spingersi a vicenda. Credo che il clima di sana competizione sia cruciale all’interno di una squadra per far eccellere entrambi i piloti. Spero che questo sarà il team Suzuki più forte degli ultimi anni e so che entrambi i piloti lavoreranno per questo. Perché in questa squadra non ci sarà solo un pilota numero 1, ma due»