Pol Espargarò spinge sugli stipendi dei meccanici

Pol Espargarò svela alcuni retroscena della sua vita professionale: la presenza dei genitori nel paddock e il rapporto con i meccanici.

Pol Espargaro (Getty Images)
Pol Espargaro (Getty Images)

Il rapporto tra piloti e genitori è molto differente da pilota a pilota. In certi casi il team manager ha persino imposto ai genitori di non entrare nel box, in altri la figura paterna è parte integrante del box. Nell’ultima puntata del podcast di Carreras Cruzadas diretto da Vanessa Guerra, Pol Espargarò ha affrontato questo argomento. “Ho iniziato nel campionato spagnolo, prima nel campionato 125 in Catalogna e poi in Spagna. Ho iniziato con un team RACC, poi sono passato a un altro team RACC guidato da Emilio Alzamora, manager di Marc Márquez ora. Il mio i genitori venivano a tutte le gare, ovunque. Sono sempre stato molto più indipendente di mio fratello, e questo dipende da ogni pilota. Ognuno è un mondo, ci sono piloti che preferiscono stare con i loro genitori o fidanzate, ad altri piace essere separati”.

Il rapporto con i genitori e i meccanici nel box

Pol Espargarò ha sempre preferito non aver contatti con i genitori durante il week-end di gara all’interno del paddock. E confessa che il suo ex team manager, Emilio Alzamora, arrivò persino a impedirgli di incontrarsi con i genitori nel box. “Quell’anno di 125 nel campionato spagnolo, Emilio ha proibito a mio padre e mia madre di entrare nel box. Ha detto che gli sembrava molto bello, che potevano venire alle gare, ma che non dovevo vederli nemmeno in foto, che se volevano che io fossi in quella squadra, non potevano apparire nel box. Gli sarò sempre grato, mi ha aiutato a maturare. Da lì ho iniziato a volare da solo “.

Leggi anche —> MotoGP 2020: finalmente si parte, ecco il nuovo possibile calendario

Un altro aspetto interessante che Pol Espargaró è il rapporto con i meccanici, figure che passano sempre in secondo piano in una squadra: “Saliamo in moto e le nostre vite sono nelle mani dei nostri meccanici. Ci sono squadre che a volte non pagano bene i meccanici, o non li trattano come dovrebbero, o devono passare molte ore in macchina per risparmiare un biglietto aereo. Metto molta enfasi ogni anno affinché i miei meccanici siano ben pagati, penso di essere ben pagato, e quindi voglio che anche i miei meccanici siano ben pagati”.

Pol Espargaro (Foto Markus Berger/Red Bull)
Pol Espargaro (Foto Markus Berger/Red Bull)