MotoGP, Alberto Puig: “Non capisco Andrea Dovizioso”

Alberto Puig ribadisce la massima fiducia in Marc Marquez e ritorna sul capitolo Andrea Dovizioso: “Non lo capisco, davvero”.

Alberto Puig (Getty Images)
Alberto Puig (Getty Images)

Alberto Puig può attribuirsi parte del merito per il rinnovo quadriennale di Marc Marquez. Il team manager di origine catalana catalana ha blindato il campione di Cervera fino alla fine del 2022 e guarda con fiducia alla prossima stagione che potrebbe prendere il via a Jerez. “Se dovessimo iniziare tra una settimana, saremmo pronti”.

La quarantena per l’emergenza Covid-19 sembra allargare la stretta, anche se il virus non è stato sconfitto. Si ricomincia dall’ultimo test in Qatar, quando Marc Marquez ha riscontrato qualche difficoltà di troppo, sia dal punto di vista tecnico che fisico. “Sappiamo che tipo di moto e quali piloti abbiamo. Sappiamo anche chi siamo. Questo è sufficiente”, ha detto Puig ai microfoni di Motogp.com. Non è stato facile per gli uomini HRC scegliere quale strada intraprendere per lo sviluppo della RC213V. L’unica scelta saggia era fidarsi del suo campione. “Sono sicuro che Marc è un vero combattente. In qualunque situazione si trovi, non la accetta e non si arrende. So anche che Honda è un’azienda che non si arrende mai. Qualunque cosa possano fare, non si fermeranno”.

Leggi anche -> La decisione del governo spagnolo che rovina i piani della MotoGP

Il feeling speciale tra Honda e Marc Márquez continuerà fino almeno al 2024. “Finora è stata chiaramente una storia di successo, siamo molto felici di aver fiducia in lui e lui in Honda. Penso che sia positivo per entrambe le parti”. Infine è tornato sull’argomento Andrea Dovizioso, che qualche tempo fa ha dichiarato di non comprendere la scelta di Marquez di firmare per 4 stagioni. “Sinceramente non capisco, era venuto da noi non molto tempo fa per un posto in Honda che all’improvviso non voleva più. Nemmeno io l’ho capito”

Puig (Getty Images)
Alberto Puig (Getty Images)