Vinales e quel misterioso 2017: “Vi spiego perché non abbiamo più vinto”

Maverick Vinales è tornato a parlare di quel Mondiale 2017, che improvvisamente prese una piega diversa e inaspettata per lui.

Maverick Vinales (Getty Images)
Maverick Vinales (Getty Images)

Maverick Vinales è arrivato in Yamaha nel 2017 e dopo i primi test aveva dato la netta sensazione di poter vincere il titolo dominando il campionato. Dopo le prime gare in cui aveva messo insieme vittorie e podi si è lentamente spento entrando in una spirale che lo ha poi portando in una profonda crisi nell’anno successivo.

Intervistato da “MotoGP.com”, lo spagnolo ha così raccontato quei mesi: “Nel 2017 dopo sei gare ero in testa, poi le cose sono cambiate perché abbiamo cominciato a cambiare tanto la moto. Ci siamo persi poi per due anni e non è stato semplice per me. Quando corro non vedo l’ora di vincere e soprattutto di lottare per il Mondiale. Quando sono passato in Yamaha ho subito pensato che avrei potuto lottare per il titolo”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Vinales: “Importante la fiducia che Yamaha mi ha dato”

Maverick Vinales ha poi proseguito: “Ad Assen 2017 stavo diventando pazzo, abbiamo provato tre telai. Ho perso completamente il feeling con la moto e anche con il team. Io ho sempre pensato di poter fare di più e per questo è stato complicato per me. Lo sviluppo che sta facendo la Yamaha è molto importante, così come la fiducia che ripongono in me”.

Lo spagnolo però dalla seconda metà del 2019 sembra essere ritornato ai suoi livelli e ha provato a spiegare cosa è cambiato in tal senso nel team di Iwata: “In Yamaha c’è stato un cambio totale di mentalità già dalla metà del 2019. Ora stiamo lavorando bene per capire quali parti danno un vantaggio”.

Antonio Russo

Maverick Vinales sulla M1 (Getty Images)
Maverick Vinales sulla M1 (Getty Images)