Il Principato di Andorra mette a disposizione il circuito a Pas de la Casa in modo da permettere ai piloti professionisti di allenarsi in moto.

Circuito di Andorra (foto Facebook)

Buone notizie arrivano da Andorra dove i tanti piloti residenti potranno tornare ad allenarsi su pista. Come riportato dal team Reale Avintia in un comunicato stampa, dopo lunghi incontri e molti sforzi da parte di tutti i soggetti coinvolti, il Circuit de Andorra ha riaperto le sue strutture ai piloti professionisti residenti in questo Principato per allenarsi, in coincidenza con la fase 2.

Parte del merito va a Raúl Romero (proprietario del Reale Avintia Racing Team e investitore nel circuito di Andorra), Rubén Xaus (team manager del team Avintia) e Alex Bercianos (direttore dell’impianto) per realizzare la riapertura del circuito. Sono ben 22 i piloti professionisti, di cui 9 impegnati in MotoGP, che possono tornare in sella ad una moto e riprendere immediatamente l’allenamento. Piloti come Maverick Viñales, Alex Rins, Jack Miller e Tito Rabat potranno iniziare a lavorare su questa pista situata a Pas de la Casa, a oltre 2.000 metri sul livello del mare.

Leggi anche -> Pol Espargarò: “Ingiusto se qualcuno si lamenta del caldo a Jerez”

Tutte le sessioni di allenamento saranno contrassegnate da un protocollo anti-contagio convalidato dal biologo informatico Joel López. Le sessioni di addestramento saranno divise in due gruppi e orari diversi per evitare di avere più di 10 piloti in pista. Rubén Xaus si è detto entusiasta di rivedere i piloti della MotoGP sul circuito di Andorra: “Il circuito e tutti i suoi membri sono molto orgogliosi di fare un passo avanti, che servirà senza dubbio ai piloti residenti per preparare un inizio atipico nel campionato del mondo”.