Sebastian Vettel si trova in una situazione complicata: se salta il rinnovo con la Ferrari potrebbe venire meno anche l’ipotesi McLaren.

Daniel Ricciardo e Sebastian Vettel (Getty Images)
Daniel Ricciardo e Sebastian Vettel (Getty Images)

Sebastian Vettel non sta vivendo un momento felice della propria carriera. Il tedesco è passato in pochi anni da fuoriclasse a ripudiato. Alla fine del 2013 il pilota teutonico veniva dalla sua stagione perfetta con quasi 400 punti conquistati, record polverizzati e il 4° titolo messo in bacheca ad appena 26 anni, mentre il suo grande avversario Hamilton era ancora fermo a 1 Mondiale.

Oggi, 7 anni dopo, Vettel non ha più replicato quei numeri, mentre la sua nemesi sportiva Hamilton lo ha prima agganciato e poi superato raggiungendo quota 6 titoli iridati. Il tedesco, incappato in una stagione e mezza opaca, contraddistinta da qualche errore si è ritrovato con un contratto in scadenza e una situazione di debolezza nella trattativa con la Ferrari.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Tra Ferrari e Vettel c’è distanza

A quanto pare però al momento c’è distanza tra la Ferrari e Sebastian Vettel, che vorrebbe un contratto più lungo e più ricco. Qualora non dovesse arrivare il rinnovo a quel punto il tedesco sarebbe costretto a cercarsi una nuova squadra. Sul piatto ci sono varie ipotesi come la McLaren, che negli ultimi anni è cresciuta molto.

Secondo quanto riportato da “Marca” però a quanto pare la McLaren, avendo nel team un giovane in rampa di lancio come Lando Norris preferirebbe affiancargli un personaggio dal carattere più affabile come Ricciardo piuttosto che Vettel che potrebbe richiedere un ruolo da prima guida all’interno della squadra come ha fatto anche in Ferrari. Una cosa è certa, il mancato rinnovo del tedesco potrebbe portare ad un effetto domino con Sainz che passerebbe in Ferrari e Ricciardo in McLaren. A quel punto il pilota teutonico potrebbe ritrovarsi a dover scegliere tra l’opzione Renault o addirittura, qualora gli fossero aperte le porte, l’ipotesi Mercedes.

Antonio Russo

Ricciardo e Vettel (Getty Images)
Ricciardo e Vettel (Getty Images)