Sconcerto nei GP virtuali. Piloti minacciati di morte sui social

Gli incidenti volontari nel corso della gara virtuale di Indy dello scorso weekend hanno scatenato la rete. Due piloti sono stati minacciati di morte.

Che avrebbe portato a degli strascichi era abbastanza scontato. Il round online di Indianapolis svoltosi lo scorso sabato aveva da subito innescato polemiche e parole grosse tra i protagonisti. Per chi non avesse seguito, vittima dell’episodio più clamoroso era stato Lando Norris, leader della corsa a quattro giri dal termine, buttato fuori nella volata finale da Simon Pagenaud, su invito del suo ingegnere di pista, a quanto pare per far vincere Oliver Askew. Un comportamento antisportivo, quello tenuto dal francese, contestato ampiamente dall’inglese della McLaren che lo ha poi bollato della definizione di sfigato. Il secondo fattaccio è accaduto sempre in cima al gruppo. Questa volta con il solito Santino Ferrucci, noto per le sue scorrettezze, pronto a provocare un incidente per avvantaggiarsi.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Per questo fatto, l’americano di origini italiane, già cacciato dalla ex GP2 per aver speronato volontariamente il proprio compagno di squadra durante il giro d’onore del GP di Silverstone nel 2018, così come l’asso dalla IndyCar, sarebbero stati minacciati via piattaforme sociali. A riportarlo sulla sua pagina Twitter il giornalista specializzato Marshall Pruet.

Che dietro a queste parole ci sia il tifo organizzato di matrice britannica? Non lo sappiamo. di certo anche Jimmy Broadbent, attivo nella F1 virtuale, avrebbe subito intimidazioni di morte dopo un crash con Norris.

Lo scorso anno era capitato qualcosa di analogo anche nel Circus reale. In quel caso era stato George Russell a subirle da parte di alcuni tifosi polacchi di Robert Kubica che non accettando la superiorità dell’inglese rispetto al loro beniamino, imputavano il divario prestazionale tra i due al favoritismo della Williams verso il giovane esordiente legato, non bastasse, al marchio Mercedes, che fornisce il motore al team di Grove.

Alex Albon taglia il traguardo nel GP virtuale d'Olanda di F1 (Fotogramma da video Formula 1)
Alex Albon taglia il traguardo nel GP virtuale d’Olanda di F1 (Fotogramma da video Formula 1)

Chiara Rainis