Joan Mir: “Per Suzuki ho rifiutato altre offerte”

Joan Mir risponde alle domande dei media in una conferenza stampa video. Dopo il rinnovo con Suzuki ammette: “Ho rifiutato altre offerte”.

Joan Mir (Getty Images)
Joan Mir (Getty Images)

Joan Mir non si è fatto distrarre da altre alternative e ha firmato con Suzuki un contratto biennale. “Avevamo altre offerte, ma non ho parlato con altri produttori”, ha dichiarato il pilota spagnolo che farà coppia con Alex Rins e che ha grandi progetti con la GSX-RR.

Sabato, Joan Mir e Suzuki hanno annunciato la proroga del contratto per altri due anni fino al 2022 compreso. Mercoledì sera, il 22enne spagnolo ha risposto alle domande dei media in una conferenza stampa a distanza. “Mi sarebbe piaciuto annunciare questa notizia in una situazione diversa, perché alla fine non è bello annunciare una cosa così grande in questi tempi difficili che stiamo vivendo tutti”, ho detto lo spagnolo. Ciò non cambia il fatto che sia molto felice. “Ho preso questa decisione per molte ragioni. La prima e più importante è che non puoi finire il lavoro in due anni. Sono entrato in MotoGP solo un anno fa. Il primo anno per fare esperienza. Il secondo anno è per iniziare a ottenere buoni risultati”.

Leggi anche -> Marc Marquez: “Sognavo un titolo, il resto è stato un regalo”

Cambiamento di stile e previsioni per il 2020

La sua prima stagione da rookie si è conclusa al 12esimo posto, il suo miglior risultato è il 5° posto in Australia. Joan Mir non si è lasciato attirare dalle sirene. “So dal mio manager che avevamo anche altre offerte. Ma non ho parlato con altri produttori. La mia idea era di rimanere con Suzuki. Come ho detto: il lavoro non è ancora finito. Due anni non sono molti; un anno di apprendimento e un anno per spingere. Solo un anno sarebbe stato sgradevole. E se cambi produttore hai bisogno di un altro anno per capire e poi essere di nuovo avanti nel secondo”.

Durante i test invernali ha lavorato molto sul suo stile di guida troppo aggressivo. “È sicuramente qualcosa che devo correggere. Nei test invernali sono migliorato molto in quest’area, ero molto più agevole. Dove devi essere forte e aggressivo, ho mantenuto questa aggressività. È importante. Ad esempio sui freni, perché devi frenare forte. Ma devi essere molto fluido durante la guida. Penso che ci voglia un anno per imparare queste cose con questa moto”. La lunga pausa forzata per il virus potrebbe rimescolare di nuovo le carte: “Non so ora in quale posizione ci troveremo. Ma penso che Jack [Miller] sarà il primo perché può andare in moto ogni giorno”.

Joan Mir ai box Suzuki nei test MotoGP in Qatar (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)
Joan Mir ai box Suzuki nei test MotoGP in Qatar (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)