Giacomo Agostini è pronto alla ripartenza della MotoGP 2020: “Marc Marquez è il pilota da battere, Valentino Rossi non so se è giusto che continui”

Giacomo Agostini MotoGP
Giacomo Agostini (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Con l’inizio della famigerata Fase 2 in Italia, anche il mondo dei motori guarda alla sua ripresa. Bisognerà aspettare ancora un paio di mesi, ma a questo punto le speranze di svolgere il Motomondiale ci sono. E sarà campionato vero, anche se di durata ridotta.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Ne è convinto Giacomo Agostini: “L’importante è partire, se poi sono solo 10 GP fa lo stesso”, ha commentato il quindici volte iridato ai microfoni della Gazzetta dello Sport. “È successo anche ai miei tempi. Se sei il più bravo, 10 o 15 gare non cambia molto. E Marquez resterà il pilota da battere. Certo, fossimo partiti a marzo la Yamaha mi sembrava la più preparata, e Marc avrebbe potuto essere in difficoltà per la spalla. Bisogna vedere se in questa pausa chi era più in difficoltà ne ha approfittato per recuperare”.

I dubbi di Agostini su Valentino Rossi

Se Marquez è la certezza, l’incognita più importante, secondo il campionissimo bergamasco, è Valentino Rossi: “Avrebbe voluto capire condizione e voglia, ora diventa tutto più complicato”, sostiene Mino. “Giusto o meno che continui non si può dire, il solo che può decidere è lui”. In casa Ducati, Agostini punta tutto su Andrea Dovizioso: “Direi di sì. Anche perché è il solo che sta facendo risultati. Speravano tanto in Petrucci, vediamo se si riprenderà. Poi c’è Miller, lo promuoveranno o meno?”.

L’ultima battuta, il pilota più vincente nella storia delle due ruote la dedica al connazionale Andrea Iannone e alle sue attuali difficoltà: “Lì non ho capito bene: se hanno ammesso la possibile contaminazione alimentare perché condannarlo? E se non viene assolto? Aprilia guarderà a Petrucci, o magari a Morbidelli? Anche se Franco sta molto bene dove si trova, ha una Yamaha che va da dio”.

Giacomo Agostini (Getty Images)
Giacomo Agostini (Getty Images)